Finti corsi per diventare operatore socio sanitario, giovane disoccupato si toglie la vita. Era stato truffato

Il giovane era disoccupato da anni, si è suicidato «sopraffatto dalla disperazione» perché il titolo che aveva ottenuto era falso

Disoccupato da anni, per trovare lavoro aveva deciso di partecipare a un corso per diventare operatore socio sanitario (Oss). Per poi scoprire che era stato raggirato e che il titolo di studio che aveva ottenuto era falso. Vittima della truffa, il giovane si è tolto la vita «sopraffatto dalla disperazione».

A renderlo noto il colonnello Vincenzo Maresca, comandante dei Nas di Napoli nel corso della conferenza stampa sull’operazione che ha portato all’arresto di sei persone questa mattina, 23 ottobre.

Le persone arrestate erano appartenenti ad un’associazione per delinquere finalizzata alla commissione dei reati di truffa e falso. Secondo le indagini svolte dal Nas, gli arrestati hanno organizzato numerosi finti corsi di operatore socio sanitario ed operatore socio sanitario con formazione complementare.

È in corso anche il sequestro di centinaia di titoli di studio ottenuti illegalmente e il sequestro di un’ingente somma di denaro.