Fronte artico in arrivo sulla Calabria. Pioggia, neve e temperature in picchiata

La vasta saccatura artica colma di aria molto fredda, proveniente dal mar di Norvegia, si è fatta strada nel Mediterraneo, favorendo così la formazione di un vortice di bassa pressione a largo della Sardegna. La perturbazione ha già provocato nelle scorse ore un progressivo guasto del tempo al Centro-Nord, specie al Nord-Ovest e sulla Toscana (con fiocchi di neve sino a bassa quota a Firenze), ove si sono avute delle abbondanti nevicate fino in pianura in molte città del Nord Ovest.

Le precipitazioni risulteranno localmente abbondanti e di forte intensità sul versante tirrenico, dalla Toscana alla Campania. Precipitazioni che risulteranno nevose a quote collinari (400/600 metri) sui rilievi delle regioni centrali e Sardegna, ma anche occasionalmente a quote più basse tra Romagna, Marche, Umbria ed entroterra toscano. Quota neve che si manterrà intorno ai 700-800 metri al Sud Italia.

Il maltempo si estenderà anche sulla Calabria e Sicilia tirrenica, ove avremo dei temporali anche di moderata o forte intensità, e delle nevicate sui rilievi appenninici intorno ai 900-1200 metri. (Quota neve variabile a seconda dell’entità delle precipitazioni). Ad inizio settimana la perturbazione artica tenderà rapidamente a muoversi verso est favorendo un generale miglioramento del tempo su tutta Italia, dove tornerà l’alta pressione delle Azzorre. Tuttavia il clima continuerà a presentarsi molto freddo specie di notte e al primo mattino, con anche gelate specie ove soleggiato, di giorno però, avremo una ripresa della colonnina di mercurio rispetto ai giorni precedenti. Non è però da escludere una nuova irruzione fredda nel successivo weekend dell’Immacolata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.