Gagliato: Sì alla Trasversale delle Serre, no allo scempio ambientale

Il “sì”, pressoché unanime, espresso dalle popolazioni delle Preserre sull’inizio dei lavori per il tronco della Trasversale delle Serre, che collega il versante ionico soveratese alla superstrada, sta facendo da pendant – in questi giorni a Gagliato – con un fermo e deciso “no” allo scempio ambientale che potrebbe profilarsi nella zona, peraltro interessata (nelle località Gomeno e San Nicola) da importanti siti archeologici d’età preistorica e magnogreca.

Sicché, proprio per la salvaguardia e la tutela dell’ambiente e dell’archeologia, il geometra Pino Pacicca ha promosso una raccolta firme, tramite una petizione on-line che può essere visionata – e, se del caso, firmata – sull’apposito portale web https://www.petizioni.it

“Siamo tutti favorevoli, ci mancherebbe!, alla realizzazione dei lavori del tronco mancante che porta a Soverato”, dice il geom. Pacicca, “ma vogliamo che, allo stesso tempo, vengano anche rispettate tutte le norme di salvaguardia e di tutela che riguardano l’ambiente e l’archeologia nell’intera Valle dell’Ancinale. Caso contrario, non esiteremo ad intraprendere serie azioni di lotta democratica, sia nel territorio che a Germaneto di Catanzaro, presso la Cittadella regionale”. La petizione – oltre che all’Anas e ai Comuni – verrà trasmessa al Consiglio regionale della Calabria e al Senato della Repubblica.