Gasperina, il sindaco e la vendemmia

Che il vino dei vigneti di Gasperina fosse ottimo, è cosa nota. E che i “gasperisani”, così li chiamano (e noi ci aggiungiamo al coro, come peraltro si legge su Wikipedia) anche se qualcuno dice che tecnicamente dovrebbe dirsi gasperinesi, fossero consapevoli delle qualità del loro “nettare degli dei”, tanto che curano con particolare attenzione e orgoglio i propri vigneti è altrettanto noto.

Quale testimonial migliore per il vino di Gasperina, allora se non il primo cittadino ? Gregorio Gallello, sindaco di Gasperina e dottore in filosofia, consapevole delle potenzialità della sua terra ha pensato di dare l’esempio, attraverso i social.

E così, assunte le vesti di vignaiolo, è apparso sui social facendo bella mostra di sè e dell’uva di Gasperina durante la raccolta. La foto è accompagnata dai versi di “Ode al vino di Pablo Neruda” che riportiamo di seguito prima di augurare a tutti i “Gasperisani” e non, buona vendemmia.

Fabio Guarna – Soverato News

Il vino muove la primavera,
cresce come una pianta di allegria,
cadono muri, rocce,
si chiudono gli abissi,
nasce il canto.
Oh, tu, caraffa di vino, nel deserto
con la bella che amo,
disse il vecchio poeta.
Che la brocca di vino
al bacio dell’amore aggiunga il suo bacio.
(da “Ode al vino” di Pablo Neruda)