Giocatori e tifosi uccidono l’arbitro per un cartellino rosso

Scene scioccanti in El Salvador! L’arbitro Jose Arnoldo Amaya è stato aggredito a morte durante una partita di calcio

Orrore in America Centrale: l’arbitro 63enne Jose Arnoldo Amaya è stato violentemente aggredito durante una partita di calcio a San Salvador. Amaya ha ceduto alle ferite riportate in ospedale. L’innesco potrebbe essere stato un cartellino giallo-rosso in una partita amatoriale allo stadio Toluca di Miramonte.

I compagni di squadra del giocatore escluso sono andati fuori di testa e hanno subito attaccato l’arbitro. I fan si sono precipitati dentro, hanno preso parte all’attacco all’arbitro. Rapporti sui media locali. L’uomo è stato ferito così gravemente che è stato immediatamente portato all’ospedale Zacamil. I medici hanno riscontrato un’emorragia interna. Non potevano più aiutarlo.

La vittima ha ceduto alle ferite riportate dall’attacco. Jose Arnoldo Amaya è arbitro da 20 anni. In un comunicato, la Federcalcio del Salvador ha condannato l’aggressione fisica mostrata all’arbitro da tifosi e giocatori. La polizia non ha ancora rilasciato informazioni più dettagliate sull’incidente. Come è noto, la ricerca dei presunti colpevoli è ancora in corso.

El Salvador evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è considerato uno dei paesi più pericolosi al mondo. La povertà e il traffico di droga spingono i ragazzi nelle grinfie delle bande sin dalla tenera età. La violenza è all’ordine del giorno nella nazione centroamericana, e ovviamente non finisce ai cancelli dello stadio.