Giornalisti stranieri e referente ENIT a Badolato per tappa “The Suspended land” di “Calabria Vigorosa”

Ha fatto tappa a Badolato, nei giorni 21 sera e 22 settembre mattina, l’importante educational/press tour regionale “The suspended land” organizzato dal Consorzio Turistico “Calabria Vigorosa” e patrocinato da Enit e Regione Calabria. Il Tour è partito da Badolato borgo e continuerà fino al 24 settembre con tappe previste a Stilo, Mammola e Pizzo Calabro, Belmonte Calabro e Carolei, Cosenza e Laino Borgo, Argo Magno e Praia a Mare, Diamante e con tappa finale sul Pollino con il suo rafting sul fiume Lao.
La nostra Badolato – tra borgo e mare – è stata individuata come punto di partenza di questo interessante educational sulla Calabria ed è stata oggetto, – con un itinerario programmato da tempo, nato da una collaborazione del Consorzio con la nostra A.Op.T. “Riviera e Borghi degli Angeli”, – di una visita speciale di giornalisti e blogger tedeschi ed austriaci e di un referente dell’ENIT.
La delegazione in questione risultava composta dalla nota giornalista italo-tedesca free-lance Sigrid Moelck Del Giudice (DIE ZEIT, NEUE ZÜRCHER ZEITUNG, DER TAGESSPIEGEL), da Ursula Scheer (FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG) e Mag. Klaudia Blasl (DIE PRESSE), da Alexios Wiklund (GUTE REISE) e Britta Anneliese Smyrak (LOOPING-Magazin), da Anuk Triess (collaboratrice e responsabile dell’ENIT) e dall’accompagnatore Ettore De Franco in qualità di responsabile commerciale di “Calabria Vigorosa”.

Il gruppo ha avuto modo di scoprire l’antico borgo di Badolato con un percorso all’uopo organizzato tra storia e cultura, arte, saperi, sapori e antiche tradizioni…! La visita ha offerto ai visitatori, esperti internazionali di turismo, l’opportunità di conoscere dal vivo e concretamente il modello badolatese di accoglienza e ospitalità diffusa col il suo progetto di “Paese Albergo”, messo in piedi dall’A.Op.T. “Riviera e Borghi degli Angeli” e nato in via sperimentale circa 15 anni fa con le prime esperienze fatte dalla “Costa degli Angeli srl”. La delegazione ha avuto così modo di visionare e conoscere – grazie ad un incontro coi responsabili di “Riviera e Borghi degli Angeli” – le diverse formule ricettive presenti ed il variegato catalogo turistico zonale fatto di turismo balneare e di nuovo turismo esperienziale, lento e relazionale, eco-culturale ed enogastronomico. Un progetto che viene da lontano e che intende proseguire con una prospettiva di lungo raggio e che, assieme a tante altre componenti private e pubbliche attive sul territorio, contribuisce fattivamente anche alla rivitalizzazione del borgo e della marina con un loro rilancio economico, ambientale e sostenibile, turistico e culturale.

La visita guidata della mattinata del 22 settembre ha, inoltre, concesso ai tanti ospiti l’occasione di incontri e racconti speciali, tra cittadini recenti e storici del centro storico …ormai tutti parti attive di una Comunità “glocal” caratterizzata da un “Melting Polt Interculturale” dal respiro internazionale (con cittadini locali, migranti ed emigranti di ritorno, ospiti e turisti italiani e stranieri provenienti da buona parte del Nord Europa e dal resto del Mondo). La passeggiata si è conclusa con un incontro dei giornalisti con un gruppo di donne svedesi, in quel di Badolato per una vacanza lenta ed esperienziale abbinata ad un corso di yoga organizzato e coordinato dalla neo-cittadina badolatese svedese Elisabeth Kjellstrom.
Interessante, infine, il passaggio artistico-culturale dalla casa-mostra “Nino Ermocida” con una dolce e straordinaria accoglienza organizzata dal nipote Andrea e dalla moglie Cecile del compianto artista badolatese G. Nino Ermocida: patologo e artista sui generis che vantava amicizie con pittori famosi come Pablo Picasso, un invito a corte nel Principato di Monaco fatto direttamente dalla Principessa Grace Kelly, diverse citazioni sull’enciclopedia antologica “Ars Dictandi” e nella letteratura “Scienze e Arti” dell’Accademia Ponzen di Napoli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.