Giovane insegnante ucciso e bruciato, rito abbreviato per padre e figlio

Il gip del Tribunale di Vibo Valentia, Pia Sordetti, ha disposto il giudizio con rito abbreviato nei confronti di Francesco ed Ezio Perfidio, padre e figlio di 59 e 35 anni, di Preitoni, frazione di Nicotera, coinvolti nell’indagine sull’omicidio di Stefano Piperno, il giovane ucciso a colpi d’arma da fuoco e poi bruciato in auto, il cui cadavere è stato ritrovato il giorno successivo.

Accolta l’istanza presentata dall’avvocato Francesco Sabatino che aveva chiesto l’abbreviato subordinandolo alla acquisizione di una consulenza tecnica a firma dell’ingegnere Teodorico Namia sugli aspetti principali dell’indagine (acquisizione telecamere e aggancio celle telefoniche).

Nei confronti di Francesco Perfidio, l’accusa è quella di distruzione di cadavere, mentre a Ezio Perfidio viene contestato pure l’omicidio aggravato dai futili motivi. La vittima, di professione insegnante, avrebbe contratto con i due indagati dei debiti per l’acquisto di droga. Prima dell’omicidio, secondo gli inquirenti, vi è stata una lite culminata poi con l’assassinio del giovane, freddato con un colpo d’arma da fuoco esploso al torace il 19 giugno 2018 in una campagna di Preitoni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.