Gli anticorpi nel latte materno sono i nuovi farmaci anti Covid?

Le madri che allattano con il Covid-19 continuano a rilasciare anticorpi nel loro latte materno 10 mesi dopo. Questi potrebbero essere usati per i pazienti gravemente ammalati. In precedenza, era noto che il latte materno delle madri vaccinate contro il COVID-19 conteneva quantità significative di anticorpi che possono aiutare a proteggere i bambini dalla malattia. Una nuova ricerca ora suggerisce che le donne che allattano al seno che hanno contratto il virus continueranno a rilasciare anticorpi neutralizzanti il ​​virus nel loro latte per un massimo di dieci mesi.

Non solo i ricercatori sottolineano l’importante ruolo che l’allattamento al seno potrebbe svolgere nella protezione dei bambini dalla malattia, ma credono anche che tali anticorpi potrebbero essere usati per curare le persone con una forma grave di Covid-19 per prevenire il peggioramento delle loro condizioni. Gli anticorpi nel latte materno sono in qualche modo diversi dagli anticorpi dell’immunoglobulina G (IgG), che sono predominanti nel sangue e che vengono attivati ​​dalle vaccinazioni. L’anticorpo principale è l’immunoglobulina secretoria A (IgA), che aderisce al rivestimento delle vie respiratorie e intestinali dei neonati e aiuta a prevenire l’ingresso di virus e batteri nei loro corpi.

Sebbene i ricercatori avessero precedentemente rilevato anticorpi contro Sars-CoV-2 nel latte materno, non era chiaro se potessero neutralizzare il virus o per quanto tempo le donne avrebbero continuato a produrli dopo essere state infettate dal coronavirus. Per indagare su questo, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti, il dott. Rebecca Powell del Mount Sinai Hospital di New York e colleghi hanno prelevato campioni di latte materno da 75 donne guarite dal Covid-19 e hanno scoperto che l’88% conteneva anticorpi IgA.

Nella maggior parte dei casi, questi sono stati in grado di neutralizzare Sars-CoV-2, ovvero di bloccare un’infezione. Ulteriori misurazioni hanno mostrato che le donne hanno continuato a secernere questi anticorpi fino a 10 mesi. “Ciò significa che se continui ad allattare, quegli anticorpi saranno ancora nel tuo latte”, ha detto Powell, che ha presentato i risultati al Global Breastfeeding and Lactation Symposium il 21 settembre. Crede che gli anticorpi IgA estratti dal latte materno potrebbero essere utili anche per gli adulti con grave Covid-19:

“Potrebbe essere una terapia incredibile perché si suppone che le IgA secretorie si trovino in queste aree della mucosa, come il rivestimento delle vie aeree.e sopravvivere lì molto bene Secondo Powell, l’immunoglobulina, somministrata come spray, per esempio, potrebbe essere molto efficace se il paziente è grave ma non ha ancora bisogno di essere ricoverato in terapia intensiva.