Gli intellettuali calabresi non litigano

uldericoLa storia delle letterature è zeppa di liti tra intellettuali. Aristofane immagine che il dio Bacco, sceso tra i morti per riportare in vita Euripide, se ne torni invece con Eschilo dopo aver pesato i versi di questo, carichi di cose e non di chiacchiere. Se ne dissero di tutti i colori Callimaco ed Apollonio Rodio; ed Eratostene, quello del grado terrestre, venne ingiuriato Beta perché non era Alfa, primo, in niente; Nevio venne querelato dai Metelli, e finì condannato; Catullo dice che i poemi di Volusio, definiti altrove come non posso qui scrivere, sono buoni per incartare i pesci; Marziale sussurra che scriverebbe anche lui qualcosa di meglio, se trovasse qualcuno a pagarlo come Mecenate con Virgilio; nel Medioevo i teologi disputavano a colpi d’improperi e scomuniche; l’Alighieri e Guido, già amici, quando ruppero i rapporti, questi scrive un sonetto ferocissimo, e quello gli prepara un posto all’Inferno; mentre Cecco Angiolieri prende a pesci in faccia Dante per le sue manie di grandezza; il quale c’informa che i suoi colleghi della Scuola siciliana e di quella toscana furono sì bravi rimatori, ma per niente poeti.
Veniamo ai più moderni. Il Foscolo e il Monti s’attaccarono in stornelli; “Mi aspettavo di meglio”, borbottò il Leopardi, leggendo i Promessi Sposi; dei quali il Carducci disse il peggio possibile; il Gozzano con i “dolci bruttissimi versi” si riferisce al Pascoli; e i futuristi condannarono ogni letteratura paludata. Eccetera.
Nella nobile terra di Calabria, invece, l’ultimo a fare polemica fu Barlaham di Seminara, contro certi spiritualisti bizantini da lui chiamati “omphalòpsycoi”: quelli che hanno l’anima nell’ombellico! Da allora, cioè dal XIV secolo, tutti gli scrittori e poeti e giornalisti della fu Magna Grecia sono grandi scrittori e grandi poeti e grandi giornalisti… e tutti adamantini combattenti per la patria, la giustizia, e, manco a dirlo, antimafia. Mai uno che dica di un altro che scrive con i piedi, o che non ha niente da dire, o che scopiazza qualcun altro, o che gronda retorica, o qualsiasi cosa ispiri la voglia di polemizzare. Mai: tutti santi, tutti intelligentissimi, tutti onesti… Campanella protesta, però non si capisce bene contro chi!
Figuratevi se l’intellettuale calabro attacca il governo, o anche solo un parente del sindaco! Attaccano sì la corruzione, però senza far nomi di corrotti.
Attenzione, non è solo vigliaccheria generica; è proprio un meccanismo mentale: se uno scrive, è uno scrittore; se insegna, è un professore… se uno è un attaccante, segna; ma se uno è portiere, para, e così la palla rimane in eterno a mezz’aria.
Aggiungete poi che corrono soldi a vario titolo, e, come si legge nel VI dell’Eneide, anche Cerbero, che pure aveva tre bocche e molti denti, smise di abbaiare quando la Sibilla le riempì di cibarie. Figuratevi meno feroci cagnetti di casa.
Se capita qualche dotto meno astratto e meno servile il quale dica che il romanzo X, famosissimo e super premiato e in tv, è invece men che mediocre in quanto opera letteraria, uno si aspetta che l’autore criticato, o qualche suo amico, rispondano con argomenti e con fiere parole. Macchè; sapete che fanno? Non rispondono, però mettono una parolina all’orecchio del direttore del giornale o presidente del premio… e l’incauto polemista viene emarginato, damnatio memoriae già in vita.
È anche per questo che la cultura calabrese è inutile e campata in aria ed astratta e scontata: i buoni sono buoni e i cattivi sono cattivi come nelle favolette dei bimbi scemi; e ogni sospiro è per la Calabria “una giornata storica”; e la Regione funziona; e a Gioia Tauro l’automobile mondiale parla calabrese…
L’assenza di critica è una gravissima debolezza del sistema sociale prima che politico. Tutti d’accordo vuol dire che non siamo d’accordo affatto, però fingiamo benissimo.

Ulderico Nisticò

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.