Gli scienziati scoprono un isolotto senza precedenti nell’estremo nord del pianeta

Durante una spedizione a luglio, un gruppo di scienziati ha scoperto quella che credono essere la superficie terrestre più settentrionale del mondo, a nord della Groenlandia, ha detto l’Università di Copenaghen.

“L’isola senza nome si trova a 780 metri a nord di Oodaaq, un’isola al largo di Cape Morris Jesup, il punto più settentrionale della Groenlandia e uno dei punti più settentrionali del pianeta”, scrive l’Università in un comunicato diffuso venerdì sera. Oodaaq, circa 700 km a sud del Polo Nord, era fino ad ora, secondo l’Accademia danese, la terra più settentrionale del mondo.

Il nuovo isolotto, non ancora nominato, misura circa 30 per 60 metri e sorge a tre o quattro metri sul livello del mare. L’isola è costituita principalmente da piccoli cumuli di limo e ghiaia. Potrebbe essere il risultato di una forte mareggiata che, con l’aiuto del mare, ha progressivamente sospinto il materiale dal fondale.

“Siamo stati informati che c’era stato un errore sul mio GPS che ci ha fatto credere di trovarci sull’isola di Oodaaq. In realtà avevamo scoperto una nuova isola più a nord, una scoperta che allarga leggermente il regno “di Danimarca, il capo della spedizione, il geografo Morten Rasch, ha detto nella dichiarazione.”

Tuttavia, quest’isola appartiene probabilmente alla categoria degli “isolotti di breve durata”. Nessuno sa quanto durerà. In linea di principio, potrebbe scomparire non appena arriva una nuova forte tempesta. Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” si tratta di una interessante scoperta che merita di essere divulgata perché la TERRA non finisce mai di stupire.