Il cantautore calabrese Antonio Pascuzzo al “Jazz Italiano per le terre del sisma”

Si comincerà il 31 agosto da Scheggino e poi il primo settembre a Camerino, nelle Marche, ci si sposterà il 2 ad Amatrice, nel Lazio, fino a giungere il 3 settembre a l’Aquila, in Abruzzo: questo il tour previsto per “Il Jazz Italiano per le terre del sisma”, una maratona musicale per manifestare la vicinanza di tutto il mondo del jazz ai territori e alle popolazioni colpiti dal terremoto.

Oltre 700 gli artisti coinvolti e, tra questi, anche il cantautore Antonio Pascuzzo, invitato direttamente dal musicista e direttore artistico Paolo Fresu, tra gli organizzatori della manifestazione.
L’iniziativa (che si aggiunge a quella dell’anno scorso), fortemente voluta dal Ministro Mario Franceschini, collabora in modo associativo con “Io Ci Sono Onlus” alla costruzione del Centro Polifunzionale di Amatrice ed alle successive attività socio-culturali che daranno vita e respiro alla struttura.

<<L’invito di Paolo Fresu è una grande emozione – commenta Pascuzzo – Ci raduneremo per manifestare concretamente vicinanza ad una comunità colpita da un evento terribile. La presenza acquista ancor più valore perché mantiene vivo il ricordo e accende i riflettori su un evento e le sue conseguenze dopo anni. L’impegno è doppio perché parteciperò anche il 2 settembre tra i calciatori della nazionale italiana musicisti di jazz che giocherà allo stadio dell’Aquila per beneficenza. A proposito di città che vivono il problema dello svuotamento del centro storico, quello dell’Aquila deriva da un evento traumatico e rispondere con la musica, facendo rivivere tutti i luoghi più rappresentativi e meno conosciuti, ha un valore rigenerativo.>>

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.