Il caso dello spacciatore lasciato a pascolo brado

 Soveratoweb ha pubblicato persino le scempiaggini del presunto Claudio Maria e della signora Iolanda, figuriamoci se censura una nota, per altro interessante, di mio compare Michele Raffa. Insinuazione fallita, dunque.

 Interessante, davvero, lo scritto: ulteriormente prova, se ce ne fosse bisogno, che la legislazione italiana scritta, e le interpretazioni fantasiose di giudici buonisti, e forse poco ferrati in filosofia del diritto, impongono urgentemente la riforma della Giustizia. E dei giudici.

 Dice la nota che un clandestino (primo reato), ripetutamente beccato a spacciare droga (secondo, terzo reato eccetera), viene scarcerato, con il solo divieto di risiedere a Milano (ma non a Corsico, San Donato e infiniti altri posti zeppi di ragazzi, e che fanno parte di Milano); e scarcerato pur in presenza di “gravi indizi” e dell’evidente pericolo di “reiterazione del reato”. Insomma, costui che dovrebbe fare per finire in gattabuia? La strage degli Innocenti in persona?

 Caro Michele, nelle leggi italiane, se ne trovano cavilli e trucchi e giochini procedurali… Parecchi mafiosi sono stati scarcerati per decorrenza dei termini o perché il giudice, impegnato magari a parlare male di Salvini ante litteram, non ha scritto e depositato la sentenza. Eccetera.

 Grazie, perciò, Michele, per aver voluto pubblicare quel pezzo: i lettori mi daranno ancora più ragione, al pensiero che un giudice allegrotto e delle leggi folli hanno lasciato a pascolo brado un clandestino spacciatore: però, non a Milano. Razzisti! Sai come si commuove, la gente, pensando che è libero per il comma X della legge Y dell’anno W!

 Ah, dimenticavo: il pezzo di Michele dice davvero che lo spaccio è il solo sostentamento del clandestino, perciò non gli possiamo togliere il pane di bocca e le droga dalle tasche. E pensare che, in galera, avrebbe avuto gratis alloggio e vitto, senza nemmeno doversi sforzare a spacciare la morte ai ragazzini. Del resto, tra poco si riaprono le scuole, e, si sa, qualche giovanotto, qualche intraprendente signorina…

Ulderico Nisticò

ARTICOLO CORRELATO
La notizia dello spacciatore rimesso in libertà dai giudici è una bufala!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.