Il Covid-19 sta cambiando le nostre relazioni?

Ormai arrivati al punto in cui ci troviamo, quella posta nel titolo è quasi una domanda retorica. “Due cuori ed una capanna” non è mai stato un argomento così controverso.

Ogni coppia durante l’evoluzione del rapporto, crea un proprio equilibrio interno anche in base al tempo che passano assieme. L’isolamento forzato non ha quindi lo stesso impatto su una coppia di pensionati che su una coppia di lavoratori. Se i primi probabilmente non noteranno importanti differenze, per i secondi sarà una vera sfida.

Per aiutarvi a saperne di più, gli esperti di incontri locali hanno condiviso informazioni su come il coronavirus abbia cambiato le relazioni umane durante la pandemia:

Relazioni durante l’isolamento

I rapporti di coppia durante l’isolamento possono cambiare radicalmente ma non allo stesso modo per tutti. Alcune coppie, quelle cioè che erano molto affiatate, hanno trovato nella quarantena persino un’opportunità per intensificare la loro unione. Chi lavorava in smart working anche prima, probabilmente non ha notato grandi cambiamenti, ma in tutti gli altri casi il confinamento si è purtroppo tradotto in un terremoto per gli equilibri nel rapporto di coppia.

Conflitti crescenti nelle famiglie

Rabbia, frustrazione, paura e spesso anche le incipienti difficoltà economiche, in molte famiglie trovavano uno sfogo grazie a situazioni esterne. Ritrovarsi chiusi in casa faccia a faccia 24 ore al giorno, cambia radicalmente le carte in tavola. Non è più possibile evitare i problemi e tutti i nodi vengono al pettine. Non per tutti è necessariamente un male, ma se è vero che per alcune coppie possa essere la scusa perfetta per risolvere problemi rimasti insoluti, per moltissime altre è solo un ulteriore peso che si aggiunge ad una situazione già precaria.

Maggiore interesse per gli appuntamenti online

Uno dei settori più in crescita durante il periodo di confinamento è stato appunto quello degli appuntamenti online. Tramite questo espediente, non solamente le persone single riescono a trovare uno sfogo, e la compagnia (alcune volte solo virtuale) di un partner compatibile; ma stando ai dati diffusi, sono in forte aumento anche i mariti e le mogli insoddisfatti, che cercano in un rapporto extraconiugale l’equilibrio perduto. Per paradossale che possa sembrare è spesso e volentieri l’amante (virtuale o non) colui che finisce per salvare la coppia originale, ponendo una pezza la dove si era creato il vuoto.

Cinque suggerimenti rapidi per coltivare relazioni sane

Mai come adesso, più che lunghi trattati di psicologia o discussioni filosofiche sul rapporto di coppia, servono consigli semplici concisi e concreti. Eccovene quindi 5 che possono essere applicati subito.

  • Riconoscere le relazioni malsane

Non c’è processo di guarigione senza presa di coscienza. Il primo passo è sempre quello di ammettere l’esistenza di un problema nella coppia. Se prima della quarantena alcuni ostacoli potevano essere aggirati semplicemente uscendo di casa, adesso bisogna fare i conti con la realtà.

  • Essere presenti

Anche chiusi in una stanza assieme, due persone possono riuscire ad essere talmente distanti da non condividere nulla. La coppia va coltivata ed il modo migliore per farlo è esserci. Bisogna imparare ad esserci nelle piccole cose quotidiane. Nelle famiglie dove prima valeva il tornare a casa stanchi dal lavoro per spaparanzarsi sul divano, adesso non vale più. Le regole sono cambiate! Sono i piccoli gesti, adesso più che mai a fare la differenza, quel piatto lavato assieme, quel bacio dato al volo sono le piccole cose che potrebbero salvarvi la coppia!

  • Ascolta

La maggior parte delle volte che la tua dolce metà ti racconta un suo problema, non si aspetta la soluzione. Quanto difficile è da assimilare questo concetto? Il fatto è che raccontare una propria frustrazione è già di per sé uno sfogo quasi sempre sufficiente.  Naturalmente saper ascoltare non vuol dire annuire passivamente, ma semplicemente capire che quasi sempre una parola di conforto e l’appoggio sincero di una persona vicina, risultano molto più efficaci che una soluzione razionale ad un problema passionale.

  • Lasciati ascoltare

D’altro canto, è necessario anche imparare l’arte opposta e complementare. Quella cioè del permettere all’altra persona di ascoltare ed aiutare. La coppia è un rapporto di costante dare ed avere, una parola gentile come l’atteggiamento di sano ascolto vanno premiati e coltivati. Alla parola di conforto dell’uno, deve seguire una risposta positiva dell’altro, altrimenti viene a mancare quella retro-alimentazione che quando c’è rende così salda la coppia.

  • Dare tempo

Il quinto ed ultimo consiglio consiste nell’applicare i primi 4 senza aspettarsi miglioramenti istantanei. La coppia è come la pizza, se lievita troppo in fretta poi crea acidità.

La buona notizia è che non tutti i mali vengono per nuocere, ma anche quando arrivano esattamente con quell’intento, ci si può attrezzare ed invertire la situazione.

Il destino dei vostri rapporti è per metà nelle vostre mani, fate che siano mani solide e sicure.