Il fracasso di Soverato, sindaco Daniele Vacca vicesindaco Emanuele Amoruso corriamo dove?

Il sindaco di Soverato ha emesso l’ordinanza per la regolamentazione delle emissioni sonore. E’ la 135 del 21 Luglio 2022.
Tirato per la giacchetta, supplicato, implorato, citato sui social e sui giornali, ha inteso finalmente agire partorendo un super capolavoro di ipocrisia e supercazzola insieme. Niente è cambiato rispetto alle ordinanze (e al fracasso) degli anni scorsi, tranne forse la chicca “della ragionevole domanda di svago anche giovanile” e del “a tutto vantaggio dell’economia locale”. Ricordo comunque che i cittadini residenti non siamo proprio proprio delle sanguisughe ma paghiamo regolarmente Irpef, Imu, Tari, Addizionale Comunale, e facciamo tutti i nostri acquisti ANCHE NOI A TUTTO VANTAGGIO DELL’ECONOMIA LOCALE!

Niente cambierà per l’andazzo orrendo di cui è vittima e preda Soverato, con tutta l’Amministrazione della città che continua a fingere di non capire e a concedere autorizzazioni per discoteche, night-club, sale da ballo, nel pieno centro abitato e a ridosso di abitazioni private (ma già… ci dicono che ce ne dobbiamo andare!). Tali locali potranno suonare fino alle 5 di mattina con le casse rivolte verso le abitazioni e il volume sparato alle stelle!
Se poi qualcuno mi vuole illustrare cosa prevede e in cosa si concretizza il Piano di Zonizzazione Acustica adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 22 del 30.01.2014, di cui s’invoca il “pieno rispetto”, gliene sarò grata.

Mi sembra, potrei sbagliare ma mi sembra, che Sindaco e suoi siano completamente appiattiti sulla linea di quei selvaggi che sui social commentano al proposito che Soverato è “mantenuta dai ragazzi”, “Via gli anziani da Soverato”, “Dura soltanto tre mesi”, “Compratevi i tappi” e, gioiello, “Compratevi la Preparazione H”.
Mi scuso per la citazione ma è per far comprendere pienamente le idee che guidano la Città.

Di seguito qualche stralcio della suddetta ordinanza con i punti maggiormente ipocriti e fasulli, come il numero 6 che contempla forse la migliore barzelletta, e cioè le “misure organizzative di vigilanza atte ad evitare che all’uscita dal locale si creino rumori e schiamazzi pregiudizievoli alla quiete pubblica”!

===
Dalla Delibera.
CONSIDERATO CHE:
– la stagione estiva determina un aumento da parte della popolazione locale della ragionevole domanda di svago anche giovanile;
– la Città di Soverato è meta di turismo e, pertanto, è necessario consentire una promozione del territorio, che concorra al raggiungimento dell’obiettivo istituzionale di miglioramento dell’offerta turistica, a tutto vantaggio dell’economia locale;
– Ritenuto di dover regolamentare l’attività di piccoli trattenimenti musicali e concertini nei pubblici esercizi, al fine di tutelare la pubblica quiete, il riposo e la salute delle persone;
– Considerato altresì, che tali attività possono costituire anche una causa oggettiva di disturbo e disagio per i residenti e/o turisti che abitano stabilmente e /o temporaneamente nelle aree interessate particolarmente nelle ore serali e notturne;
– Tenuto conto che in base a quanto sopra richiamato occorre ricercare il giusto equilibrio alle esigenze di tutti i soggetti;
– Ritenuto, inoltre, opportuno disciplinare l’orario nel quale è consentita la diffusione della musica all’interno e all’esterno degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, affinché sia ammesso il libero esercizio di tale attività e al contempo tutelare la salute pubblica;
– Visto il Piano di Zonizzazione Acustica adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 22 del 30.01.2014;
– Ritenuto, per le valutazioni e motivazioni sopra espresse, che l’utilizzo di fonti e di strumenti per emissioni sonore, alla luce del diffuso fenomeno all’interno dei pubblici esercizi, richiede un’adeguata disciplina, anche per ciò che attiene agli orari di svolgimento delle varie attività, soprattutto ai fini della tutela della salute pubblica;

ORDINA (tutta una serie di regole che sappiamo tutti bene NON saranno rispettate):

1 – Le sorgenti sonore fisse ubicate nei luoghi di intrattenimento danzante e di pubblico spettacolo devono rispettare i parametri di emissione/immissione sonora fissati dal Piano di Zonizzazione Acustica”,
2 – Tutti gli impianti di amplificazione sonora installati nei luoghi di pubblico spettacolo e/o pubblico intrattenimento, potenzialmente idonei a superare i limiti di pressione sonora consentiti dalla normativa sopradetta, devono essere dotati di meccanismi di controllo e taratura (limitatori).
3 – SCIA cinque giorni prima dell’ evento ;
4 – Documentazione di Previsione di Impatto Acustico;
5 – Relazione a firma di tecnico abilitato circa il possesso dei requisiti tecnici dei locali ;
6 – Dichiarazione dalla quale risulti che saranno poste in essere adeguate misure organizzative di vigilanza atte ad evitare che all’uscita dal locale si creino rumori e schiamazzi pregiudizievoli alla quiete pubblica;
etc etc…

INOLTRE
7 – La cessazione della musica deve cessare alle ore 2 nei giorni feriali, alle ore 3 nel fine settimana.
8 – Nei locali notturni (discoteche, night-club, sale da ballo), nel pieno rispetto della previsione del Piano di Zonizzazione Acustica è consentita fino: alle ore 05:00
9 – Le attività di intrattenimento musicale dei pubblici esercizi per la somministrazione di alimenti e bevande, potranno essere effettuate mediante musica filodiffusa/piano bar/concertini/musica dal vivo fino alle ore 24:00 (ventiquattro) all’esterno dei locali (qualora autorizzate).
DELIBERA 135 DEL 21 LUGLIO 2022, COMUNE DI SOVERATO
===
“Que’ prudenti che s’adombrano delle virtù come de’ vizi, predicano sempre che la perfezione sta nel mezzo; e il mezzo lo fissan giusto in quel punto dov’essi sono arrivati, e ci stanno comodi.” (A. Manzoni)

Lucia Talarico (Facebook)