Il giovane autore catanzarese Giovanni Petronio vince la X Edizione del premio Metauros 2020

Giovanni Petronio, giovane autore della provincia di Catanzaro, di Decollatura per l’esattezza, si è aggiudicato il primo premio nell’ambito del concorso letterario e storico Metauros 2020 a Gioia Tauro! La commissione gli ha inoltre consegnato un ulteriore riconoscimento come scrittore più giovane ad aver partecipato!

I premi, come ogni anno, sono stati banditi ed accuratamente vagliati dal poeta Rocco Giuseppe Tassone e dall’Università Ponti con la Società per il Tempo Libero e la Socializzazione. La giuria, riconoscendo il valore intrinseco dell’opera “I ragazzi della Fiumarella. Un disastro Ferroviario a colori. E poi?” e dell’impegno del giovane per la mobilità del territorio e per la riapertura della ferrovia Cosenza Catanzaro, interrotta da Soveria Mannelli a Rogliano, ha deciso di non assegnare i previsti premi nelle altre sezioni!

Difatti Giovanni Petronio, con coraggio e preparazione da vendere, da anni pone l’accento e la riflessione su una ferrovia fondamentale, che considera, e spera di poter far considerare a sua volta dalla politica, una risorsa e una possibilità di rinnovato sviluppo per gli abitanti della Calabria. Accanto a tutto questo, nel dicembre del 2019, ha fatto ripubblicare in una versione rinnovata il suo volume, che tratta del grave deragliamento ferroviario italiano verificatosi proprio a Catanzaro il 23 dicembre 1961 e che causò la morte di 71 persone, di cui 31 del suo paese d’origine.

Libro che fin dalla sua uscita, avvenuta alla fine del 2017 si è aggiudicato numerosi riconoscimenti regionali e nazionali, come il plauso del Presidente della Repubblica Mattarella, risultando il testo più diffuso e apprezzato della storia in tutta l’area del Reventino e non solo.
Sapere che le onorificenze siano state assegnate a Gioia Tauro, nella provincia di Reggio Calabria, ad un ragazzo che vive in un’altra parte della Calabria, è indice di un successo importante e senza precedenti, rappresenta e si configura come un piccolo riscatto per la Calabria intera e per i suoi abitanti.