Il “Malafarina” di Soverato in Bulgaria al quarto meeting del progetto Erasmus+

L’Istituto Tecnico Tecnologico ha partecipato al quarto meeting del progetto Erasmus+, cofinanziato dalla Commissione Europea: “Let’s Use Energy Usefully”, tenutosi a Vratsa in Bulgaria nella seconda settimana di novembre. La partnership composta da Bulgaria, Turchia, Portogallo e Ungheria, di cui l’Istituto, diretto dal prof. Domenico Agazio Servello, è il chief coordinator, prevede lo studio e la condivisione di buone pratiche sulle fonti di energia rinnovabili, allo scopo di rendere gli studenti più consapevoli dell’’importanza di adottare fonti alternative che non compromettano l’ambiente naturale.

Il team italiano in mobilità internazionale si è avvalso dell’esperienza della Coordinatrice dello staff Erasmus +, Savina Moniaci e dei preziosi interventi tecnici dei due specialisti del settore Rocco Rosanò e Giuseppe Schiavi per realizzare, assieme ai sei allievi dell’Istituto kevin Corasaniti, Andrea Pittelli, Elena Bensi, Giuseppepio Cepi, Letizia Moretti e Luca Lazzaro, una rivista online dedicata all’analisi delle problematiche ambientali più urgenti e alle strategie messe in atto dai vari paesi partner per contenerne le conseguenze. Nel corso della mobilità sono state visitate le Sopharma Business Towers, la Litex Tower e la Britanica Park School che costituiscono ottimi esempi di implementazione di soluzioni ad alta efficienza energetica.

A far da sfondo la capitale Sofia con la più antica chiesa ortodossa slava del mondo, la Cattedrale Alexander Nevsky e la Moschea Banya Bashi, la capitale europea della cultura, Plovdiv con il suo Museo Etnografico, il Kapana Art District e la moschea di Dzhumay e, infine, la suggestiva grotta di Ledenika che ospita numerose gallerie e imponenti formazioni carsiche.

Nell’ultima giornata le delegazioni sono state impegnate nella scuola ospite, la Vocational School of Trade and Catering di Vratsa, nella preparazione di un menu internazionale sostenibile e si sono dati appuntamento per il prossimo aprile per l’ultimo meeting, durante il quale team italiano, diretto dall’ingegnere Franco Babbo testimonierà il grande impatto che il partenariato ha avuto, attraverso la presentazione di un robot che costituirà un innovativo modello di riferimento nell’utilizzo delle energie alternative.