Il teatro del Maria Ausiliatrice di Soverato si colora d’Europa

Il teatro del Maria Ausiliatrice di Soverato (CZ), grazie ad Euro.Soul 2016, si colora d’Europa e coinvolge studenti e cittadini nel corso gratuito “School living theatre”

Il teatro è parte del nostro patrimonio e contiene la nostra identità, sia locale che Europea. Anche per la nostra Scuola è iniziato, lunedì 2 Maggio, “Euro.Soul 2016: il Festival dell’Europa”, promosso come nel 2013 dall’associazione JUMP-Gioventù in riSalto. Abbiamo addirittura anticipato i tempi ministeriali perché nella nostra didattica il teatro è parte integrante dei processi educativi e nel nostro piccolo formiamo bambini e ragazzi non solo a sapere, comprendere e rielaborare ma anche a comunicare. Lunedì scorso ha preso il via il corso internazionale “School living theater” che rappresenta una vera e propria sfida educativa per tutti in un periodo difficile per la scuola italiana. Sono arrivati in Calabria, a Soverato (CZ), docenti da Portogallo, Polonia, Turchia e Antille grazie al programma di finanziamento Erasmus Plus di cui JUMP è organizzazione formativa in Italia e non ci abbiamo pensato un minuto in più ad accoglierli e dare loro il teatro che, per l’Istituto, è il cuore pulsante di molte attività tra le quali il prossimo 7 giugno l’evento “Giovani Talenti”.
Come indica un comunicato stampa del Miur del 16 Marzo 2016 “con la Buona Scuola, il Teatro entra definitivamente a far parte dell’offerta didattica delle scuole italiane di ogni ordine e grado ed ottiene piena cittadinanza nel bagaglio formativo dei nostri studenti” siamo felici nel leggere parole importanti verso un’arte che pratichiamo da sempre e che amiamo trasmettere soprattutto ai bambini. Riprendendo sempre il testo Miur, “l’Italia può e deve ripartire dalle sue due risorse più grandi: il suo capitale umano e il suo patrimonio artistico e culturale, riconosciuto e ammirato in tutto il mondo… Grazie alla Buona Scuola il teatro diventa materia curricolare e non prologo alla ricreazione o insegnamento di serie B, come è stato in passato”.
Con JUMP abbiamo sposato appieno queste prime dichiarazioni di intenti del Ministero che ha pubblicato linee guida molto utili ma grazie al Festival abbiamo messo in pratica la teoria rendendola di dimensione internazionale e aprendoci ad altre culture.
In alcune mattine di questa settimana di Festival, l’Istituto ha coinvolto straordinariamente l’intera classe V del Liceo delle Scienze Umane con moduli specifici affrontando anche tematiche di educazione globale e tanto lessico in inglese che è il tallone di Achille per tutti gli Italiani che imparano l’inglese. I docenti dei diversi paesi, uniti ai nostri e alle studentesse hanno potenziato competenze comunicative, espressive e imparato la lingua con l’obiettivo anche di aiutare gli ospiti esteri ad apprendere l’italiano diventando pertanto anche loro “docenti junior”.

Sono importanti e accogliamo con gioia le parole del Ministero sull’importanza del Teatro ma al Maria Ausiliatrice, con JUMP ed Euro.Soul 2016, abbiamo costruito un percorso didattico ancora più innovativo perché internazionale e arricchito da un Festival che come tema ha proprio “Ri-partire dall’Educazione”. Il Maria Ausiliatrice non ha mai smesso, e voi?IMG_0521 IMG_0520 IMG_0518

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.