In allestimento a Filogaso i paramenti liturgici per la Madonna del Carmelo

L’anno scorso nel mese di Luglio, poco prima della festa della Madonna Del Carmelo, la ricorrenza religiosa più importante di Filogaso cui partecipano ogni anno tutti i cittadini, molti dei quali emigrati in ogni parte di Italia e del Mondo che ritornano per l’occasione al proprio paese,  fu allestita una mostra per esporre il nuovo vestito della Madonna. La mostra riscosse un enorme interesse e favore del pubblico che infatti commentava in modo entusiasta la fattura e la bellezza dell’abito confezionato dai fratelli Teti: Vincenzo e don Giovanni, parroco in una parrocchia della provincia di Vibo Valentia.

I due fratelli sono dotati di un talento naturale e di una versatilità per il cucito ed il ricamo ineguagliabili. Non hanno frequentato scuole di cucito e taglio e non hanno avuto come maestri , pur eguagliandoli se non addirittura superandoli,  sarti di grido cui ispirarsi; la loro unica maestra ed ispiratrice è stata la mamma che nel tempo libero amava molto ricamare. Molte sono state le opere sacre da loro eseguite per varie chiese della provincia.  

Il racconto dell’apparizione della Madonna in sogno  che chiede a Vincenzo la confezione di un abito e la presenza ,al Santuario di Pompei, di una donna che si avvicina ai due fratelli chiedendo di poterlo vedere , le stoffe utilizzate, le fasi e le tecniche di realizzazione e il tempo impiegato a realizzarlo sono dettagliatamente raccontati da don Giovanni in un opuscolo dal titolo : “ Un abito chiesto dal Cielo”

I fratelli Teti , dopo aver offerto il vestito alla comunità di Filogaso ed alla Confraternita della Madonna Del Carmelo, in uno slancio di ulteriore solidarietà e mossi solo da una grande fede nella Madonna, si accingono a regalare gli arredi liturgici.

Un lavoro lungo, faticoso e costoso,  iniziato a Luglio dell’anno scorso che comprende i seguenti paramenti: conopeo, tende e mantovane, involucro azzurro stellato della mensa, tovaglia trasversale con tutto l’inno carmelitano in latino, il flos carmeli, copri altare, due servizi mensa, banchetto reggi statua, tenda della nicchia, camice celebrante principale e tre casule per la concelebrazione, di cui la principale porta nello stolone lo stemma del Comune ed il disegno del prospetto principale della Chiesa della Madonna Del Carmelo.

I paramenti, a conferma della capacità creativa ed artistica dei fratelli, sono finemente ricamati e rappresentano davvero un unicum ed arricchiscono le opere di arte sacra esistenti nelle varie chiese. Sicuramente questo nuovo omaggio sarà accettato dai cittadini di Filogaso con lo stesso entusiasmo con cui fu accolta l’anno scorso l’offerta del vestito e, finalmente,  la Madonna, nell’approssimarsi della festa, potrà indossare l’abito da Lei voluto, e la Chiesa durante le funzioni religiose in Suo onore sarà addobbata ,come si augurano di cuore i fratelli Tetti che si affidano alla Sua volontà,  con i paramenti da Lei , stando a quanto sognato da Vincenzo, così tanto desiderati.

Nicola Iozzo