In auto con sei chili e mezzo di cocaina, due corrieri calabresi arrestati

Dalla Calabria alla Sicilia con sei chili e mezzo di cocaina nell’auto. La Polizia di Stato ha arrestato Saverio Zaccaria, 27 anni, e Vincenzo Fortuna, di 41, residenti in provincia di Vibo Valentia, accusati di detenzione di sei chilogrammi e mezzo di cocaina.

I due sono stati fermati dagli agenti della squadra mobile a bordo di un’auto sull’autostrada verso Palermo dopo il casello autostradale di Buonfornello: provenivano da Messina. Il valore della droga con la vendita al dettaglia si aggira intorno al milione di euro.

A suscitare l’attenzione degli agenti anche la circostanza che il conducente avesse indugiato eccessivamente al casello per il pagamento del pedaggio, probabilmente sperando che nel frattempo si allontanasse la pattuglia della Stradale presente nei pressi.

Condotti presso gli uffici di polizia, si è proceduto ad un’accurata perquisizione della vettura, con l’aiuto dei cani antidroga Asko e Ulla. Sono stati così scoperti due vani nascosti sotto i sedili anteriori, che si aprivano attraverso un sistema artigianale di cavi e una maniglia rudimentale occultati nel vano porta cintura, con all’interno sette panetti di cocaina pura che avrebbe reso una cifra vicina al milione di euro. I due sono stati condotti nel carcere “Lorusso” di Pagliarelli.

Il veicolo, una Renault, è stato posto sotto sequestro. Indagini sono in corso sulla provenienza e destinazione finale dello stupefacente, evidentemente diretto alle piazze di spaccio palermitane.