La Calabria dice no al cibo sintetico, il Presidente Occhiuto firma la petizione di Coldiretti

Promossa da Coldiretti e Fondazione Campagna Amica, Filiera Italia e World Farmers Markets Coalition, la petizione sta registrando continue adesioni poiché non ci si fida e non si vogliono  alimenti costruiti in laboratorio tra provette e processori, e si preferisce mangiare solo cibo naturale coltivato e allevato.

La minaccia del cibo sintetico è reale e rappresenta innanzitutto un danno alla salute e alla sicurezza dei cittadini, un danno all’ambiente, alla biodiversità  e agli  imprenditori agricoli. Nel Consiglio Regionale di lunedì prossimo – comunica Coldiretti – sarà votata dall’assise regionale una mozione, proposta dall’assessore all’agricoltura Gianluca Gallo di sostegno  contro il cibo sintetico e questo, rende la nostra regione protagonista e in prima linea,  nel contrasto a questa sciagurata deriva alimentare che interessa alcune  multinazionali che stanno investendo miliardi di dollari.

Quella contro il cibo sintetico è una battaglia sacrosanta a favore della qualità e della sicurezza dei prodotti. La tutela del cibo naturale e delle eccellenze alimentari, dietro le quali ci sono migliaia di lavoratori, passa anche da questa petizione che ribadisce l’importanza di scelte politiche e economiche che tutelano qualità, sostenibilità, filiera corta,  piccola e media produzione, quella che caratterizza poi i nostri territori e la nostra regione.

“Siamo molto contenti dei consensi  che stiamo avendo che si arricchiscono con la firma del Presidente Occhiuto  e il sostegno del Consiglio Regionale, perché aprire  le porte al cibo sintetico, dalla bistecca fatta nel bioreattore al latte senza mucche, è una minaccia letale per l’agricoltura, la salute dei consumatori e la biodiversità del pianeta – è quanto dichiara il presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto.”.