La Coppa d’Africa in Egitto vede in scena molto campioni di club europei

L’edizione numero 32 della Coppa d’Africa si svolge in Egitto tra il 21 giugno e il prossimo 19 luglio, regalando a tutti gli appassionati di sport e di calcio in particolare, un motivo in più per seguire un evento di questo tipo. Partecipano ben 24 formazioni, selezionate tra le 51 che avevano preso parte alla fase delle qualificazioni. Tra tutte ci sono però almeno quattro squadre su cui i riflettori saranno maggiormente puntati.

Il Senegal sarà l’anti Egitto per la vittoria finale?

Senza doversi troppo nascondere, l’Egitto del campione Momo Salah, ha buone possibilità di arrivare fino in fondo, specialmente se saprà guardarsi dagli avversari più titolati e quotati. In particolare c’è una nazionale che spicca per qualità, oltre a quella egiziana: si tratta del Senegal, dove una generazione di calciatori cresciuti in Europa ha raggiunto il pieno della maturità, per così dire. Parliamo quindi dei vari Koulibaly, stella del Napoli di Carlo Ancelotti, ma anche dell’interista Keita e ancora di più di un certo Sadio Mane, compagno di squadra proprio di Salah nel Liverpool campione d’Europa di Jurgen Klopp. Come ben sappiamo il segreto di una competizione di questo tipo risiede però nella forza del gruppo, del collettivo, come già dimostrato dalla Francia di Deschamps nei passati Mondiali di Russia 2018.

Una squadra dotata di molti talenti e di stelle, ma che gioca sempre in ottica di un collettivo, che fonda la propria forza su aspetti tattici che ne fanno la cifra stilistica. Il calcio africano in questi ultimi anni è cresciuto in modo esponenziale come movimento, visto che ci sono giocatori molto forti a livello fisico, con qualche leggera lacuna in fase di tattica e di tecnica, che però sotto questo punto di vista, club come Inter, Napoli e naturalmente Liverpool, sanno benissimo come colmare. Il Senegal sarà quindi sulla carta una delle formazioni protagoniste di questa Coppa d’Africa, ma bisogna guardarsi anche da squadre come Ghana, Nigeria, Costa d’Avorio e Marocco. Un po’ dietro invece troviamo Camerun, Algeria e Mali.

Le altre squadre più quotate: Marocco, Nigeria e Ghana

Del primo gruppo conosciamo bene sia il Marocco che la Nigeria, visto che nella passata edizione dei Mondiali sono state squadre che hanno ben figurato, specialmente il Marocco, che è andata a giocarsela fino alla fine in un gruppo di ferro come quello costituito da Spagna e soprattutto dal Portogallo di Cristiano Ronaldo. Anche la Nigeria ha come sempre una squadra di grande profilo, arricchita da giocatori come Aina ed Ekong, che giocano in serie A con Torino e Udinese, senza dimenticare Alexander Iwobi dell’Arsenal. In generale colpisce come il numero di calciatori che giocano nei campionati dei propri Paesi, sia davvero molto basso, alzando quindi il livello dei singoli in modo piuttosto evidente. In termini di quotazioni se l’Egitto è la squadra super favorita con una quota che varia da 4.50 a 5.00, il Senegal sotto questo punto di vista ricopre il secondo posto, visto che è dato a 7.00 ma deve anche guardarsi sia dal Ghana che dalla Nigeria, che sono le uniche due nazionali quotate sotto i 10.00. La Coppa d’Africa rappresenta un’ottima occasione per utilizzare i bonus di benvenuto nei siti di scommesse sportive piazzando una o più giocate, sia durante la fase a gironi, sia dagli ottavi di finale in poi, dove possiamo trovare quote molto valide come la Costa D’Avorio a 10.00, il Marocco, dato a 11.00 e il Camerun a 14.00. Da notare per gli appassionati di statistica le quotazione di Namibia e Tanzania, date entrambe a 250.00.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.