La Giustizia e la corruzione

C’è una gradazione, nei giudizi, anche in quelli degli opinionisti. I casi Siri e Arata, se provati, sono gravi; e vanno, se provati, severamente puniti. E la Lega, proprio perché sta crescendo in misura esponenziale, deve stare attentissima a chi imbarca, anzi a chi solamente avvicina.

Detto questo, sono in ballo faccende assai più gravi, e che stanno coinvolgendo la Giustizia italiana nel suo massimo livello giuridico, il Consiglio Superiore della Magistratura (CSM); e l’organizzazione privata ma potente che è l’Associazione Nazionale Magistrati (ANM). Arrivo alla conclusione: se un domani io mi trovassi indagato o giudicato da Palamara, lo ricuserei immediatamente, sostenendo, con abbondanza di argomenti, che non è persona al di sopra di ogni sospetto, anzi è molto, molto al di sotto.

Attenzione: non sto dicendo – per ora – che Palamara sia colpevole di questo o quel reato; dico quello che pensano tantissimi italiani:

– che Palamara è sospetto di aver pilotato nomine;
– che Palamara s’incontrava con politicanti del PD;
– che Palamara s’incontrava non certo per parlare di calcio o di storia romana;
– che a Palamara e soci conveniva nominare Pinco invece di Pallino;
– che assieme a Palamara sono sospetti anche vari altri magistrati di altissimo livello in CSM e ANM;
– eccetera.

E aggiungiamo che moltissimi si chiedono come mai il presidente della Repubblica, che è presidente del CSM, prima abbia taciuto come una tomba, e sia andato per il mondo a parlare di scienza; e quando, il 12 giugno, ha fatto dire qualcosa, è stato solo che non sa nulla e non ha mai parlato con nessuno.

Ragazzi, è ovvio che sono alcuni casi, rispetto a circa seimila magistrati italiani, quasi tutti corretti; ma qui on stiamo parlando di professori di lettere più o meno bravi, di calciatori più o meno abili; ma di un potere, quello giudiziario, che non dove mai essere ammantato da alcuna ombra; e che, soprattutto, deve tenersi lontano dal potere esecutivo e da quello legislativo: mai sentito parlare di Montesquieu? E ciò vale per tutto l’Ordine giudiziario in quanto tale, e vale per ogni singolo magistrato. Né ha senso sostenere che il magistrato è un privato cittadino, quindi può partecipare, che so, a convegni di partito, giacché ciò viola il principio dell’indipendenza.

Esistono infatti sia la deontologia professionale, sia l’etica, sia la morale; e sono tre cose diverse dall’innocenza in senso penale. Se un giudice si candida con il partito X, deve uscire irreversibilmente dall’Ordine, o io, che sono del partito Y, lo riterrei inaffidabile; e, nel caso, lo ricuserei. Legittima suspicione, si dice, nel latino italianizzato dei codici.
Urge una riforma radicale della Giustizia.

Ulderico Nisticò

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.