“La nostra Trasversale”, conferenza stampa del Comitato lunedì a Chiaravalle

Si punta  a costruire attorno a questa infrastruttura un progetto d’area per lo sviluppo

comitato22“Progettiamo la nostra Trasversale, la Trasversale dei cittadini”. E’ il tema della conferenza stampa in programma lunedì 25 luglio alle ore 11.00 presso la sede del Gal “Serre Calabresi” a Chiaravalle Centrale. L’incontro è stato convocato dal Comitato “Trasversale delle Serre – 50 anni di sviluppo negato”. Prenderanno la parola i componenti del direttivo del sodalizio ma anche sindaci e amministratori locali che, nelle ultime ore, hanno inteso ribadire il proprio sostegno alla mobilitazione popolare in corso. Due gli obiettivi prioritari del Comitato, cui si è aggiunta l’ulteriore, importante battaglia a sostegno degli ex operai che da ben 14 anni rivendicano ingenti somme arretrate: 1) sbloccare i cantieri della perenne incompiuta superstrada Jonio-Tirreno, promessa da mezzo secolo e ancora, in gran parte, da realizzare; 2) costruire attorno a questa infrastruttura un progetto d’area per lo sviluppo, la ripresa economica ed occupazionale, il rilancio turistico e imprenditoriale. Sul primo punto, si registrano ormai da diverse settimana novità significative, dopo che i cittadini, stanchi ed esasperati, hanno sollevato con la loro indignazione un vero e proprio caso nazionale, con tanto di servizi televisivi su Rai Uno e Rai Tre e quotidiane azioni di sensibilizzazione e protesta nei confronti dell’Anas e della politica dormiente. Dopo l’apertura dello svincolo di Gagliato, chiuso per anni e, adesso, finalmente inaugurato e fruibile, il prossimo 30 luglio lo stesso destino dovrebbe toccare al viadotto Sant’Antonio, con lo sblocco di un lungo tratto di Trasversale compreso tra i territori di Chiaravalle e Cardinale. Si attendono notizie analoghe anche per i lavori in corso nella zona di Monte Cucco e per la bretella abbandonata di Campo Petrizzi. Ma i cittadini che hanno dato vita al Comitato “Trasversale delle Serre – 50 anni di sviluppo negato” non si fermano alla sola azione di critica e puntano anche a stimolare un dibattito positivo e costruttivo sulle prospettive del territorio. Di questi temi si parlerà lunedì mattina presso la sede del Gal, anticipando i contenuti di una successiva iniziativa pubblica che si svolgerà nell’area delle Preserre nei prossimi giorni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.