La parola… e i fatti, all’ANAS

 Riunione di sindaci con l’ANAS, a Soverato. Sì, non è un refuso, e avete letto bene: finalmente anche Soverato si accorge del problema della Trasversale. Meglio tardi che mai.

 Comunque, tutti i sindaci d’accordo; ed è già un fatto. E tutti d’accordo con l’ANAS, autorevolmente rappresentata dall’ingegner Canalella.

 Anche il Comitato Trasversale delle Serre era presente, con il presidente onorario U. N., su mandato del presidente Schiavello: in fondo, l’idea è proprio del Comitato. L’idea è usare la viabilità esistente, apportando i dovuti miglioramenti.

 Lo scopo, è collegare agevolmente Ionio e Tirreno e Serre, per favorire l’economia in generale, e soprattutto il turismo; quello culturale, di salute, di famiglia, che può integrarsi con quello balneare delle due coste.

 I paesi interni, purtroppo a rischio di spopolamento, hanno solo vantaggi dalla strada, se sapranno far buon uso dell’immane patrimonio di palazzi e vecchie case da riadattare ad alloggi.

 Ovviamente, non in nero!!! La balneazione in nero – illegalità legalizzata dalla prassi – ha impedito alla Calabria (Calabria complice) ogni ammodernamento non solo dei fatti, ma del concetto stesso di turismo del XXI secolo.

 Per far conoscere e valorizzare il patrimonio storico, artistico e naturalistico, occorre la strada.

 Siccome non tutto piace a tutti, e qualcuno che si lamenta c’è sempre, la soluzione è iniziare subito e finire subito i lavori. Cosa fatta, capo ha.

 Poi vedrete che saranno tutti contenti.

 Pronti per l’inaugurazione, ma in stile Comitato: zeppole, vino, panini, tarantelle; e niente nastri, fanfare, trombe e… tromboni.

Ulderico Nisticò

I sindaci

Il progetto