La Prima Italia approda a Crotone con Felice Campora

Purtroppo pochi sanno che il nome Italia sia nato in Calabria; più precisamente nel territorio dell’Istmo tra i golfi di Squillace e di Lamezia, attorno al 1500 avanti Cristo, cioè 3500 anni fa. Il merito di tale nascita va ascritta all’azione molto innovativa e determinante di Italo, re di quel popolo degli Enotri che egli ha saputo tramutare in stanziale da nomade che era, piantando le tende nel luogo (l’attuale provincia di Catanzaro) ritenuto il più fertile del Mediterraneo, come attestano i più antichi storici, tra cui Aristotele (384 – 322 a. C.) il più grande e importante filosofo della Grecia antica.

Re Italo inventò i “sissizi” quei pasti comuni da cui iniziò l’idea di democrazia che si espanse in numerose città mediterranee e che ad Atene, nell’antica Grecia, trovò quell’elaborazione che ancora oggi ci portiamo avanti. << Perciò al nome Italia, nato qui da noi, è legata la democrazia e ogni altra idea o pratica politica ci è del tutto estranea. Quindi, Italia significa solo ed esclusivamente “democrazia” >> afferma Domenico Lanciano di Badolato (CZ), fondatore nell’aprile 1982 dell’associazione culturale “Calabria Prima Italia”.

La Nuova Scuola Pitagorica di Crotone (di cui è scolarca il filosofo Salvatore Mongiardo) e il Centro Studi e Ricerche sulla Prima Italia di Squillace (di cui è presidente onorario lo storico tedesco Armin Wolf) conducono gli approfondimenti sul valore dell’Italia nata proprio in Calabria e diffusasi, secolo dopo secolo, lungo tutta la penisola fino alle Alpi anche per merito dell’imperatore romano Augusto, il quale, estendendone il nome per decreto fino al Brennero, ha riconosciuto che la stessa Roma altri non è che figlia dell’antica civiltà della Prima Italia e, quindi, figlia della terra che poi coi Bizantini ha preso nome Calabria.

Di questi e di altri temi legati alla nascita, al diffondersi e al valore del nome Italia si parlerà a Crotone, nei locali della Nuova Scuola Pitagorica, in Vico Municipio 1, dalle ore 18.00 di sabato 13 novembre 2021 (proprio nella Giornata mondiale della gentilezza), conversando con il prof. Felice Càmpora di Amantea (CS) autore del libro “Italo, il re degli Enotri” (formato cm 15×23, 256 pagine, edito nel 2012) ancora ben vivo a quasi dieci anni dalla sua uscita e disponibile in internet alla Homepage di Felice Campora. A tale libro è associato un cd-audio con musiche e letture tratte dal testo. Naturalmente, essendo il lavoro di Càmpora un lungo racconto di genere tra l’epico e il fantasy, oltre che dell’accurato sfondo storico si parlerà dei suoi contenuti, delle tematiche e della lingua. Càmpora è autore di altre 20 pubblicazioni a stampa nonché di 8 cd musicali. Per informazioni e prenotazioni: info@nuovascuolapitagorica.org