La RAI e l’urbanistica fascista

 RAI Storia, credo solo con intenti storiografici e non certo elettorali, mostra la rivoluzione urbanistica compiuta dal regime fascista, e di cui restano dovunque evidenti e funzionali memorie. Serve una riflessione di carattere generale, di cui il Ventennio fu un ottimo esempio ma non unico.

 Enunciamo pertanto due premesse di valore universale: 1. l’urbanistica non è una tecnica o scienza che si studino all’università, come l’architettura e l’ingegneria; è una concezione della vita e del mondo, una filosofia della storia di un popolo rispetto al suo territorio; 2. solo i grandi regimi autocratici mostrano una degna concezione urbanistica; le democrazie badano agli interessi e comodi delle singole persone, e il risultato è la devastazione del territorio.

 Quando Pericle propose di fondare Thuri al posto di Sibari distrutta da Crotone, chiamò Ippodamo di Mileto, la cui urbanistica divenne modello della città ellenistica e romana. Bell’esempio di sinergia: il grande demagogo guardò la carta geografica, vide che da Crotone a Taranto non c’erano più Greci, colmò il vuoto; ma l’architetto disegnò la città.

 Alessandro Magno fondò moltissime città dall’Anatolia all’India; una di queste fu la più importante del mondo antico prima di Roma; un’altra, con grande gaudio degli animalisti, la dedicò al cavallo Bucefalo.

 Roma, piccola e ordinata città regia, esplose dal II secolo aC per numero di abitanti e divenne caotica: l’urbanesimo è, infatti, il contrario dell’urbanistica: far arrivare chiunque è l’urbanesimo; far vivere quanto è logico, è l’urbanistica. Ci volle Augusto, per iniziare un lavoro che gli imperatori seguenti condurranno fino a far vivere ordinatamente da uno a due milioni di cittadini.

 Le città medioevali ci piacciono proprio perché frutto di un’urbanizzazione senza piani regolatori, e affidate alla fantasia. Dante tuona contro gli immigrati… non dal Niger, ma da Lastra a Signa. Chissà cosa avrebbe detto di Renzi da Rignano!

 Dal XVII secolo, crescono confusamente alcune città europee. Date un’occhiata alla letteratura dei due secoli seguenti: Londra di prostitute e Jack, Parigi dei Miserabili, Sanpietroburgo dei demoni, Napoli bellissima e impossibile… tutti effetti di immigrazione dalle campagne, con inevitabili degenerazioni sociologiche e morali.

 Parigi era un ammasso di catapecchie dove era molto più facile beccarsi una coltellata di giorno, che non fosse in piena notte nel più selvatico Aspromonte. Napoleone III (1849-70) si affidò al ferreo prefetto Haussmann, un alsaziano e tedesco; il quale, impipandosene delle proteste dei poeti e romanzieri, buttò giù tutto e tracciò i boulevard. Sono quelle amplissime strade di modello romano che attraversano Parigi, danno aria e ossigeno degli alberi… e consentono le cariche di cavalleria quando, come succede ogni vent’anni, Parigi si ribella a una cosa qualsiasi. In versione de Gaulle, cariche di carri armati.

 Anche Roma era quella dei film di Magni, pittoresca e barbarica. Mussolini la concepì così: il centro che salvaguardasse la storia antica e barocca, con i Fori Imperiali e via della Conciliazione; e un progetto di trasferimento degli apparati politici e amministrativi all’E 42, oggi EUR, in buona parte realizzato. I nostalgici dei tuguri, vadano al cinema!

 Questo, per la capitale; accenniamo alle altre città: per quanto riguarda la Calabria, ricordiamo Reggio, Locri, Vibo V., S. Eufemia; e i servizi portati in paesi che erano del tutto privi; e interventi in ogni paesello. Pensiamo solo ai Laghi silani e alle centrali idroelettriche, che alimentavano industrie vere e produttive, non Isotta Fraschini e SIR e altre bufale!

 Come si conviene a regime totalitario, l’urbanistica fascista mira anche al monumentale e al bello; sia esso un grande capolavoro come il Palazzo della civiltà del lavoro, sia una modesta casa popolare, ma con la piazza, e l’orticello, con una forma umana: luoghi dove vivere, non dove dormire e farsi venire le nevrosi! Non sono gli orrendi Corvo Aranceto di Catanzaro, o via Amirante di Soverato; o le disumane periferie di Roma postbellica o di Torino.

 L’urbanistica è una filosofia complessa, che guarda al rapporto tra città e territorio. Ecco dunque le ferrovie e le strade (nel 1935, la 106 arriva a Soverato) e i porti; e la rinascita dell’agricoltura.

 L’Italia era afflitta da vastissime aree paludose: le bonifiche le resero abitabili e feconde. Ecco Littoria (Latina); e, qui da noi, molti esempi, tra cui S. Eufemia e la sua pianura destinata alla produzione della barbabietola da zucchero.

 E non scordiamo nemmeno le città coloniali di Tripoli, Bengasi, Mogadiscio, e la stessa Addis Abeba.

 Tutto questo, per la storia. Però ci dovrebbe insegnare come si gestisce il territorio, un’arte oggi del tutto dimenticata.

Ulderico Nisticò

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.