La ScaRtolaMATTA. Un’idea per esportare l’idea

L’idea di Giampiero De Santis con i burattini pazzi è iniziata nel 2018 quando con la figlia, la piccola Alice, pensò di costruire il suo primo burattino (umanoide ottenuto da materiale di scarto) che chiamarono Dotto. Da lì la passione e la ricerca portarono lo stesso a creare quasi 90 burattini pazzi con vecchie scatole di latta, particolari scatole e materiale di recupero inizialmente scrutando ‘il mondo’ dal garage del suo papà e successivamente trovato o consegnato da amici e conoscenti che aveva capito la sua passione.

Esprimersi attraverso le mani e le idee contribuendo a fare piccoli passi per un ‘futuro’ più pulito. Dall’idea dei burattini pazzi, i contest vinti on line , le esposizioni a Marcellinara e Catanzaro e poi tante altre idee legate al ‘green’. Ma da ultima la creazione della scaRtolaMATTA, una simpatica e piccola scatola che al suo interno nasconde tutto il necessario per costruire un piccolo burattino.

Un’idea avuta per caso quasi a far comprendere come poter iniziare ‘a fare bene’ al pianeta nonché far comprendere meglio come è nata l’idea dei burattini pazzi e come cimentarsi in questa avventura. Esportare l’idea, è stata questa la mission.

E oggi, anche se l’edizione della scaRtolaMATTA è limitata a 70 pezzi, ben oltre la metà di queste sono finite in altre case a far compagnia, una volta assemblato, ad altre famiglie che hanno voluto sperimentare con le proprie mani ‘come iniziare’ a fare qualcosa di diverso, a creare magari qualcosa con i propri bambini (annullando per qualche ora TV e smartphone) e far comprendere agli stessi l’importanza del riciclo e del recupero. In cantiere nuove idee ci dice Giampiero.