Lamezia Terme – Settimo appuntamento con il caffè letterario Dolceamaro

Settimo appuntamento con il caffè letterario Dolceamaro, giovedì 19 ottobre, alle ore 10, presso l’omonima caffetteria su corso Nicotera. L’atteso salotto culturale, nato sotto il segno dell’arte e della convivialità, da un anno richiama visitatori e curiosi, creando una vivace animazione nel centro cittadino.
Lo spirito dell’iniziativa, inaugurata nel settembre 2016 alla presenza del sindaco Paolo Mascaro e dello scenografo Claudio Cosentino, è ricreare la frizzante atmosfera che si respirava nei caffè letterari dei secoli scorsi, con l’intento di valorizzare le risorse culturali e artistiche della città.

Partner dell’iniziativa sono il bar Dolceamaro e la libreria Gulliver-Mondadori Book Store. “Colori e parole” è il tema del prossimo incontro, nel quale saranno esposti i libri degli autori Lina Latelli Nucifero, Antonietta Vincenzo, Antonella Mongiardo, Ulderico Nisticò, Pasquale Allegro. La location sarà impreziosita dalle tele del pittore napoletano Antonio Caldore, il quale espone ogni anno, tra settembre e ottobre, in località Caronte.
Nel corso della mattinata, si parlerà della messa in scena di un testo di satira, scritto dal noto storico Ulderico Nisticò per il caffè letterario Dolceamaro.
La satira è, infatti, protagonista del Menù letterario, rivista abbinata al caffè culturale, a cui collaborano diversi giornalisti e scrittori calabresi.

Per Sergio De Grazia, titolare del bar, “il bilancio dell’attività culturale del caffè letterario è decisamente positivo. Da quando è nato il nostro caffè letterario, abbiamo visto avvicendarsi qui al Dolceamaro persone interessanti del mondo dello spettacolo, scrittori, giornalisti, pittori, fotografi, attori, scenografi, Ma la cosa che mi dà più soddisfazione è che il nostro salotto è diventato un caldo luogo di ritrovo per amici e conoscenti, che spesso ci chiedono quando si terrà il prossimo caffè letterario”.
“La scommessa vincente- dice la giornalista Antonella Mongiardo, ideatrice dell’iniziativa- è stata quella di sperimentare un nuovo modo, più fresco e conviviale, di vivere la cultura in città. Il nostro caffè letterario ha accomunato un gruppo intellettuali e commercianti in un progetto comune, che stiamo portando con le nostre sole forze, sostenuti dall’entusiasmo dei nostri amici e concittadini”.
“E’ importante contribuire a far crescere questo genere di attività culturali, che danno prestigio al nostro territorio- dice Lorenzo Cianflone, titolare del ristorante Top Country, a Serrastreta- Il caffè letterario è un’idea originale, in cui ho creduto fin dal primo momento e che sono certo ci darà belle soddisfazioni”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.