Le installazioni di Mario Loprete mostra permanente sulla spiaggia di Montauro

L’estate al Dadada Beach Museum è un’emozione che non finisce mai. Specie se la sua essenza è “cristallizzata” nel tempo come un fossile futurista dal cemento di Mario Loprete e la sua “concrete art”.

L’ombrellone, il lettino, i giochi dei bambini: gli accessori iconici dell’estate di tutti noi si sono fatti scultura “concrete”, con la nuova installazione dell’artista Mario Loprete per Dadada BeahMuseum, l’esposizione delle opere era stata programmata fino al 12 settembre ma complice una stagione balneare anomala sono ancora sulla spiaggia.

Malgrado il maltempo di questa settimana che ha danneggiato molti lidi tra cui il Dadada, l’ombrellone ed il lettino fanno giganteggia sulla spiaggia anzi l’ombrellone è l’unico perfetto visto che il contesto è stato alterato da una impetuosa ed imprevedibile mareggiata che ha portato molta sabbia creando un paesaggio surreale con gli altri ombrelloni ideali per i “ puffi “.

Minuziosamente dipinti col cemento, grazie alla peculiare tecnica artistica che contraddistingue e rende noto Loprete ovunque nel mondo, un intero set di accessori da spiaggia resterà installato in maniera permanente sulla spiaggia di Montauro a testimoniare come sia possibile fermare il tempo per mezzo dell’arte.

Mario Loprete nasce a Catanzaro, eccellente ritrattista si dedica alla cultura hip hop ed al ritratto delle celebrità del mondo blackunderground, coinvolgendo nelle sue opere i più noti rapper al mondo (da ultimo anche 50 cents che ha condiviso la sua opera sui suoi canali social, mandando Loprete alla ribalta del web internazionale). Dal ritratto alla scultura il passo è breve: Lopreteinizia a dipingere i suoi volti su sfondo cemento, per poi lasciar predominare il cemento stesso e farne la sua “tinta” preferita. Così abiti, panni, oggetti, suppellettili, vengono dipinti col cemento diventando sculture impassibili all’incedere del tempo.

L’ultima installazione (in ordine cronologico) di Mario Loprete conclude quel suo percorso artistico che ha battezzato il DadadaBeach Museum, primo museo al mondo su una spiaggia, oltre due anni fa, e che ha coinvolto le migliaia di visitatori intervenute al Dadada Beach Museum da tutto il mondo in un messaggio globale ecologista.
Il cemento che diventa amico del mare per mezzo di un’operazione artistica. E’ questo il messaggio virtuoso che ha aperto una serie di mostre e installazioni dedicate al dialogo tra i materiali di riciclo e la natura, assecondandone e promuovendone un corretto impiego tanto da renderli “amici” dell’ambiente. Dopo il cemento, il ferro, l’alluminio e, da ultimo, la plastica, la vetroresina: il Dadada Beach Museum di fa promotore di un messaggio troppo importante per la comunità globale.

L’opera di Mario Loprete, un intero “kit” da spiaggia in cemento concrete, resterà installato sulla spiaggia di Montauro (salvo ulteriori avverse condizioni meteo) fino all’estate di San Martino ed il giorno del suo compleanno oltre gli auguri di rito è l’occasione per tutto lo staff del primo museo al mondo sulla spiaggia per ricordare e ringraziare il genio di Mario. L’ingresso al Museo è libero e gratuito, perciò siete tutti invitati a visitarlo. Tutte le info su :www.dadadabeachmuseum.it