L’Infinito di Leopardi tradotto in dialetto badolatese da Nicolina Carnuccio

Caro Tito, vorrei iniziare questo nuovo anno 2020 con una nota d’infinito. Ricordando, principalmente, che tutti gli estimatori del nostro grande poeta Giacomo Leopardi hanno festeggiato nel 2019 il bicentenario della celebre poesia “L’infinito”. Tra le tante iniziative, una, in particolare, mi sembra assai bella e simpatica … tradurre nel proprio dialetto questa suggestiva poesia. Ci hanno provato in tanti.

Nicolina è davvero, a mio modesto parere, una grande poetessa. Assai semplice e raffinata. Evocatrice nel verseggiare, spesso malinconico ma sempre profondo, delle grandi poetesse dell’antichità greca e magno-greca. Ed è degna di essere conosciuta da un grande pubblico per la sua delicatezza sempre emozionante. Sarebbe assai utile che venga studiata almeno nelle scuole di quei paesi e di quelle città che si affacciano sul mare Jonio, poiché la sua è una poesia tipica delle atmosfere joniche.

Pure per questo vorrei qui segnalare, oltre alla traduzione dialettale dell’Infinito leopardiano, l’elenco delle poesie che Nicolina inserisce, di tanto in tanto, nel sito www.liberodiscrivere.it dove sono ospitate finora ben 223 sue composizioni.

Caro Tito, non mi dilungo. Ai più cordiali saluti aggiungo e rinnovo gli AUGURI PER UN 2020 DAVVERO MERAVIGLIOSO per tutti noi e per tutto il mondo. Con la speranza che, in particolare, il nostro Mediterraneo sia fino in fondo un mare di pace. Alla prossima Lettera n. 266.

Domenico Lanciano (www.costajonicaweb.it) 

L’INFINITO di Giacomo Leopardi – 1819

Sempre caro mi fu quest’ermo colle, E questa siepe, che da tanta parte Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
Spazi di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo; ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
E le morte stagioni, e la presente E viva, e il suon di lei. Così tra questa Immensità s’annega il pensier mio:
E il naufragar m’è dolce in questo mare.

Ni piàzza sempa assai ‘stu timpùni sulàgnu e ‘sta sipàla ch’on ni fàcia u vìju duva ‘a terra si ncuntra cu hru celu.
Ma si nn’assèttu e gguardu ni para ca vìju arrèd’ ‘e ihlla nu largu ch’on finìscia mai e nni para ca sentu nu silènziu chi nnuhllu mai potta sentìra e ppaci nsini fini e ‘u cora quasi s’appagùra. E ccom’ arrìcchj’ ‘u ventu chi mmova ‘e l’àrbari i frundi eu chihru silenziu cu hra guci d’o ventu ‘u cumpruntu e nni vena a mmenta ‘u tempu eternu
e hru passatu oramai mortu e hru presenti ch’esta vivu e pparra. Accussì ammènzu ‘sti cosi randa randa randa s’annega ‘u penseri meu ed esta adùci u ni spèrdu nte ‘stu mara.

Giacomo, perdonami.
Nicolina Carnuccio Novembre 2019