Lo sterminio del popolo cristiano-armeno – Iniziativa di Cantiere Laboratorio

Ci sono tragedie di nazioni e popoli sui quali cala una coltre di silenzio. Genocidi  alla ribalta, altri ignorati,  come se la vita umana avesse un peso diverso  a seconda dell’ etnia o religione di appartenenza.

 Il genocidio del popolo armeno del 1915 è uno di quelli posti nel dimenticatoio della storia. La Turchia lo nega ancora e chi parla di “genocidio armeno”  viene perseguito legalmente, eppure fu perpetrato dal suo governo laicista e massonico dei “Giovani Turchi” che, nell’aprile del 1915, iniziò un sistematico sterminio, una vera e propria pulizia etnica che decretò la morte di oltre 1 milione e mezzo di armeni  cristiani nel tentativo di cancellarne l’identità.

Nel centenario dell’ “Olocausto” di quel popolo, Cantiere Laboratorio e la sua organizzazione giovanile, “Gioventù Controcorrente”, con la collaborazione di “Gioventù Nazionale“ ed “Identità Tradizionale”, per ricordare e non dimenticare, hanno organizzato un incontro pubblico dal titolo:

“1915 – 2015: un Genocidio dimenticato. Lo sterminio del popolo cristiano-armeno”.

L’evento, che si svolgerà giovedì 19 novembre 2015 alle ore 19.30 presso la sala “Studio Meeting” in via N. Sauro  12 – Lamezia Terme, vedrà, tra gli altri interventi, la testimonianza di Padre Karem Boghos, armeno-siriano di Aleppo.

Locandina Incontro

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.