Lutto nel mondo del giornalismo, è morto Gianni Romano

All’età di 62 anni è venuto a mancare Gianni Romano valido corrispondente del Quotidiano del sud, sempre presente col suo taccuino in quasi tutto il comprensorio soveratese .

Se ne va un pezzo di storia di Montepaone Lido amato e stimato da tutti, padre, marito e nonno esemplare, uomo di sport fin da giovanissimo dirigente del Montepaone calcio conosciuto da tutte le società dilettantistiche anche perchè, titolare dell’ex ristorante “il Delfino”, ha ospitato quasi tutte le squadre dilettantistiche della Calabria.

Da poco più di un anno una brutta malattia si era impossessato di lui e con tutta la sua forza di volontà non è riuscito a sconfiggerla, lui che è sempre stato un vincitore. Un caro amico difficile da dimenticare e che resterà per sempre nei cuori di chi gli ha voluto bene.

La salma giungerà domani 17 febbraio a Montepaone Lido, da Napoli dove ultimamente era ricoverato, e i funerali si terranno martedì 18 presso la chiesa di San Francesco di Montepaone Lido in via Padre Pio.
La proprietà, la redazione giornalistica e tutti i collaboratori dell’emittente Soverato Uno TV e di Radio AmicaInBlu si unisce al dolore dei familiari.

Mimmo Cosentino

Soverato Web si unisce al dolore dei familiari.

Il ricordo di Fabio Guarna 

Non è affatto facile alzare la tastiera per scrivere che Gianni se n’è andato. Gianni Romano ha detto bye bye alla vita. E’ stato un leone, ha lottato col sorriso e non ha perso perché di lui non potrà mai cancellarsi il ricordo. Fra i migliaia di articoli ce ne viene in mente uno, scritto per Soverato News: “La storia siamo noi”, in cui descriveva con orgoglio lo storico “Delfino” di Montepaone di cui è stato il titolare con la sua famiglia per tanti anni prima della chiusura. Il “Delfino” non fu solo un ottimo ristorante ma anche teatro di tanti eventi.

E noi riprendendo quel titolo oggi possiamo ben dire che “La storia sei tu, Gianni !!” Se ne va, dunque, un pezzo di storia della città di Montepaone, e la sua assenza lascia un vuoto incolmabile. Imprenditore, dirigente sportivo, agente di polizia municipale, splendido nonno, padre, marito e fratello esemplare, e soprattutto per quel che riguarda il nostro legame, un impareggiabile giornalista col fiuto per la notizia.

Ha raccontato eventi piccoli e grandi del nostro territorio, ha cercato e trovato sempre la notizia. Oggi, la notizia tocca raccontarla ai suoi colleghi, ma l’ha scritta Gianni con la sua vita e questo nostro post è troppo corto per raccontarla, e né ci riesce andare avanti … RIP Gianni, “la vita dei morti è posta nella memoria dei vivi” e tu resterai sempre nelle nostre menti e nei nostri cuori !!