Maltratta e minaccia la moglie, divieto di avvicinamento per 59enne

Durante un’accesa lite un uomo ha tentato ripetutamente di aggredire la moglie. Il figlio, prima dell’arrivo delle Forze dell’Ordine, è riuscito a contenere l’ira dell’uomo, esplosa probabilmente per futili motivi. La pattuglia, una volta raggiunta l’abitazione della famiglia, nel comune di Gimigliano, ha infatti trovato l’uomo all’esterno dell’appartamento, mentre il giovane era posizionato di fronte alla porta di casa, come se stesse facendo da guardia.

Tramite le dichiarazioni della donna e del figlio, i militari dell’Arma hanno ricostruito la dinamica della lite e, anche grazie al successivo intervento del personale sanitario del 118, è stato placato l’evidente stato di ansia e paura in cui versava la signora.

Nonostante gli operanti, al contempo, cercassero di stemperare l’animo dell’uomo, questi, noncurante della presenza delle Forze dell’Ordine, riprendeva ad inveire nei confronti della consorte, apostrofandola con svariati epiteti, indirizzandole una serie di minacce e, in una occasione, cercando invano di avvicinarla con il chiaro intento di giungere allo scontro fisico; circostanza scongiurata dalla decisa presa dei militari che, dopo essere stati spintonati, hanno immobilizzato l’uomo. R.S., 59enne catanzarese con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, è stato pertanto arrestato per ipotesi di maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale e temporaneamente trattenuto presso la camera di sicurezza della Stazione Carabinieri di Gagliano, in attesa dei provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria, la quale, convalidato l’arresto, ha successivamente disposto la misura del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa, oltre al divieto assoluto di comunicare attraverso qualsiasi mezzo con la donna e con la figlia minore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.