Maltratta e picchia l’ex convivente, arrestato un 39enne

Una donna ha trovato il coraggio di denunciare l’ex convivente, nonché padre di suo figlio, perché vessata dalle sue continue violenze, aggressioni e maltrattamenti, chiedendo giustizia e aiuto all’Arma. Pertanto, a seguito di indagini, un’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal GIP di Catanzaro ed eseguita, il 6 novembre, dai Carabinieri nei confronti di un pregiudicato 39enne, residente in Viale Isonzo di Catanzaro. L’arrestato è accusato di maltrattamenti in famiglia nei confronti della ex convivente 35enne.

A fine ottobre i Carabinieri di Catanzaro – Santa Maria, durante una pattuglia, hanno notato una coppia mentre stava litigando sul ciglio della strada. L’uomo stava minacciando di morte la donna e l’aveva spinta con violenza facendola cadere a terra.

I Carabinieri sono intervenuti all’istante e nonostante ciò l’ex convivente continuava ad inveire nei confronti della vittima. Quest’ultima, dopo essere stata accompagnata in ospedale e dimessa con una prognosi di 15 giorni per le lesioni riportate, ha deciso di confidarsi con i Carabinieri e di denunciare l’ex convivente.

La donna ha descritto gli anni di convivenza pieni di continui maltrattamenti verbali e fisici, legati spesso alla gelosia del 39enne che non aveva esitato oltre che a minacciarla e ad umiliarla, a picchiarla anche quando era incinta. Rilevante la testimonianza delle persone vicine alla coppia.

La fine della relazione e relativa separazione, non avrebbero interrotto il comportamento dell’uomo che aveva approfittato di diverse circostanze in cui i due si erano necessariamente incontrati, per la gestione del figlio minore, per proseguire nel suo atteggiamento di violenza.

Tutto il materiale probatorio è stato quindi condiviso con la Procura di Catanzaro che ha immediatamente richiesto una misura di custodia cautelare ai domiciliari per l’ex convivente 39enne pregiudicato.