Medico aggredito durante il turno di guardia, Odm: “Atto di violenza gravissimo ”

Medico aggredito, a Catanzaro, durante il turno in una postazione di continuità assistenziale. A darne notizia è l’Ordine dei medici del capoluogo in una nota nella quale esprime solidarietà al professionista.

“A nome del Consiglio Direttivo dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catanzaro, interpretando i sentimenti di solidarietà di tutti gli Iscritti, il Presidente, Vincenzo Antonio Ciconte, stigmatizza il grave episodio di violenza di cui è stato vittima lo scorso 13 settembre il collega Nicola Parentela durante l’espletamento della sua attività professionale presso la postazione di continuità assistenziale sita in via Molise a Catanzaro”.

“Il Consiglio Direttivo dell’Ordine – spiega la nota – esprime solidarietà e vicinanza al Collega Parentela per l’aggressione ingiustamente subita, sottolineando anche il fatto che tali episodi di violenza si ripetono oramai con preoccupante frequenza, soprattutto presso le postazioni di continuità assistenziale e i Pronto soccorso dove i medici operano, spesso in condizioni difficili, con grande spirito di abnegazione. L’Ordine, a tutela della dignità e della professionalità dei propri Iscritti, si riserva di costituirsi parte civile in un eventuale procedimento giudiziario”.