Migranti nuovo dramma nel Mediterraneo, naufragio al largo delle coste della Libia

Dopo una pausa durata alcune settimane, è il pesante bilancio del naufragio di un barcone avvenuto al largo della Libia. Si teme che almeno 130 richiedenti asilo siano morti dopo che il loro barcone si è capovolto nei mari in tempesta al largo delle coste della Libia mentre stavano tentando di raggiungere l’Europa, affermano l’ONG SOS Méditerranée e l’agenzia delle migrazioni delle Nazioni Unite.

I profughi erano stipati su un barcone che generalmente partono con un numero superiore di persone. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, martedì il gruppo umanitario europeo SOS Méditerranée è stato allertato dalla hotline di soccorso mediterranea gestita da volontari Alarm Phone della presenza di tre imbarcazioni in pericolo nelle acque internazionali al largo della Libia.

Le onde nell’area stavano raggiungendo altezze fino a sei metri. La nave della SOS Méditerranée, la Ocean Viking, così come le navi mercantili, si sono diretti nell’area e non hanno trovato sopravvissuti, ma almeno 10 corpi. “Oggi, dopo ore di ricerca, la nostra peggiore paura si è avverata”, ha detto Luisa Albera, coordinatrice di ricerca e soccorso a bordo di Ocean Viking . “L’equipaggio della Ocean Viking ha dovuto assistere alle devastanti conseguenze del naufragio di un gommone a nord-est di Tripoli.

Questa barca era stata segnalata in pericolo con circa 130 persone a bordo mercoledì mattina. “Abbiamo il cuore spezzato. Pensiamo alle vite perse e alle famiglie che potrebbero non avere mai la certezza di quello che è successo ai loro cari ”.

Alarm Phone ha dichiarato : “Le persone avrebbero potuto essere salvate, ma tutte le autorità le hanno consapevolmente lasciate morire in mare”.Il servizio di hotline afferma di essere stato in contatto con la barca in pericolo per oltre 10 ore il 21 aprile e ha ripetutamente comunicato la sua posizione GPS e la situazione disastrosa alle autorità europee e libiche e al pubblico in generale. Tuttavia, ha affermato che tutte le autorità europee hanno rifiutato la responsabilità di coordinare l’operazione di ricerca e invece ha indicato le autorità libiche come le autorità “competenti”.

“La guardia costiera libica, tuttavia, ha rifiutato di lanciare o coordinare un’operazione di salvataggio, lasciando le 130 persone in mare agitato per un’intera notte”, ha detto. “La mancanza di un efficiente sistema di pattugliamento è innegabile e inaccettabile” , ha detto su Twitter Flavio Di Giacomo , portavoce italiano dell’agenzia Onu per le migrazioni. “Le cose devono cambiare.”

Mercoledì, la Ocean Viking ha trascorso tutto il giorno alla ricerca di un’altra nave che trasportava circa 40 persone senza successo. Dopo aver salvato migliaia di persone dall’annegamento nel Mediterraneo, un certo numero di imbarcazioni di soccorso di ONG sono bloccate nei porti italiani dopo che le autorità ne hanno ordinato il sequestro.

Negli ultimi anni sono state avviate decine di indagini da parte dei procuratori italiani contro le ONG, la maggior parte delle quali successivamente abbandonate. In un’indagine congiunta con l’emittente pubblica italiana Rai News e il quotidiano Domani, pubblicata venerdì scorso, il Guardian ha visto i documenti dei procuratori di Trapani, in Sicilia, che dettagliavano conversazioni private tra almeno tre guardie costiere libiche e funzionari italiani, esponendo l’indifferenza di individui dalla parte libica alla difficile situazione dei migranti e al diritto internazionale e al loro “comportamento non collaborativo” che avrebbe provocato la morte di centinaia di migranti.

Il Mediterraneo, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, torna ad essere battuto dagli scafisti, pronti a traghettare migranti dall’Africa in Italia. E con i “viaggi della speranza” sono riprese le tragedie in mare anche se il traffico è rallentato. Quest’anno più di 350 persone sono morte in questo tratto di mare quest’anno senza contare le dozzine di morti nel naufragio a cui abbiamo assistito oggi ha detto l’Ong SOS Méditerranée.