Ministero della Salute segnala richiamo barattoli caffè Illy

Illy ha richiamato diverse confezioni di caffè in grani. Il motivo è la mancanza della valvola di sfiato dell’anidride carbonica sul fondo del barattolo. I barattoli coinvolti sono quegli in grani da 250 g tipo Tostatura media, Tostatura scura, Decaffeinato Monoarabica Brasile, Monoarabica Etiopia e Monoarabica Guatemala con il termine minimo di conservazione che va dal 10/2019 al 02/2020.

 

Nello specifico si tratta del richiamo “solo e soltanto per quanto riguarda questo specifico lotto di barattoli potenzialmente non conformi, a seguito di un errore nel processo di produzione, si potrebbe verificare il brusco distacco del coperchio della confezione in metallo al momento dell’apertura.” Le confezioni in questione sono comunque abbastanza riconoscibili, visto che manca per l’appunto la valvola di sfiato sul fondo, dove può essere presente un anomalo rigonfiamento del barattolo.

Sul fondo della confezione si può trovare anche il termine minimo di conservazione del caffè, e in tal senso non ci sono problemi per la salute dei consumatori. Il caffè è prodotto da illy caffè S.p.A. nello stabilimento di Trieste in via Flavia n 110 Lo stesso “Sportello dei Diritti” nella persona del presidente Giovanni D’Agata, raccomanda tutti i consumatori che hanno acquistato una confezione di caffè Illy di controllare sul fondo del barattolo la presenza della valvola di sfiato.

Nel caso in cui la confezione risulti difettosa, Illy invita a non aprirla e contattare il servizio clienti per la restituzione e sostituzione. Per ulteriori informazioni e chiarimenti, è possibile contattare la stessa azienda al numero verde 800 821021, dalle 08.30 alle 22.00 dal lunedì alla domenica, oppure all’indirizzo e-mail info@illy.com. Si precisa che il caffè contenuto nelle confezioni non conformi è comunque “della consueta qualità illy” e il problema riguarda la sola confezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.