Motori, auto: focus sull’Alfa Romeo Stelvio

Il mondo dei motori è fatto di marchi storici che hanno un seguito clamoroso ormai da diversi decenni. È il caso di Alfa Romeo, l’azienda automobilistica fondata a Milano nel 1910 da un gruppo di capitalisti lombardi che acquisirono gli impianti industriali della casa automobilistica franco-inglese Darracq. All’inizio la denominazione era solo “Alfa”, acronimo di “Anonima Lombarda Fabbrica Automobili” e identificata con un marchio-targhetta caratterizzato da presenze floreali e sinuose, tipiche dello stile liberty. Fin dalla sua fondazione ha occupato un importante ruolo nel panorama della produzione automobilistica mondiale producendo inizialmente solo automobili da competizione e, poi, automobili da turismo di media e grande cilindrata.

Nel corso degli anni il marchio Alfa Romeo ha lanciato auto capaci di appassionare milioni di automobilisti. Una delle più amate degli ultimi anni è senza dubbio l’Alfa Romeo Stelvio. Si tratta di una vettura dalle linee inconfondibili e straordinariamente ricercata, al punto che sono tanti gli automobilisti alla ricerca di un’Alfa Romeo Stelvio usata.

Le caratteristiche
L’Alfa Romeo Stelvio rappresenta la prima suv del marchio storico. Sotto le linee grintose ma “pulite”, caratterizzate da un’eleganza tutta italiana, ci sono la raffinata struttura e la meccanica della berlina Giulia (rispetto alla quale la Stelvio è più alta da terra di 7 cm): pianale nuovo e sviluppato appositamente, sospensioni anteriori a quadrilatero e multibraccio al retrotreno, distribuzione dei pesi equamente ripartita fra i due assali per sfruttare al meglio l’aderenza delle gomme, ottenendo un comportamento in curva equilibrato ed efficace. Tranne le 2.2 diesel da 160 e 190 cavalli, che si possono avere anche con la trazione solo posteriore, le Stelvio hanno tutte la trazione integrale: nella guida normale la potenza arriva al retrotreno, ma in caso di slittamento delle gomme, in curva o nelle forti accelerazioni, fino al 50% dei cavalli possono essere inviati (tramite una frizione a comando elettromeccanico) all’avantreno.

Dal punto di vista dello spazio l’abitacolo è ampio, mentre il bagagliaio è capiente, facilmente accessibile (con il portellone elettrico) e pratico (il divano è in tre parti reclinabili). Le finiture sono curate e la dotazione buona per il prezzo. Con l’aggiornamento di fine 2019 si sono aggiunti un impianto multimediale al passo con i tempi, la ricarica wireless per i telefoni predisposti e moderni ausili elettronici che, in determinate situazioni, permettono all’Alfa Romeo Stelvio di muoversi un modo semi-autonomo (il guidatore deve, comunque, tenere le mani sul volante).

Il cambio risulta pronto e fluido, è un ottimo automatico, adatto a tutte le situazioni. La maneggevolezza e tenuta di strada sono da auto sportiva. Per quanto riguarda le prestazioni, le versioni diesel vanno molto forte. Quelle a benzina, poi, assicurano tenuta ed emozioni allo stesso tempo. Un’auto che ha fatto sognare milioni di automobilisti che l’hanno scelta in tutto il mondo grazie alla garanzia del marchio Alfa Romeo.