Muore Gustavo Tolotti, mito della Viola. Aveva 55 anni

È scomparso ieri sera, 16 luglio, dopo lunga malattia Gustavo Tolotti, 55 anni. Centro di 2.10 proveniente da Crema, scoperto e approdato alla Amg Sebastiani nel 1982 e poi lanciato in serie A2 nei campionati 1984-86 con le maglie dell’American Eagle e dell’Ippodromi d’Italia.

Giocò vicino a Gianfranco Sanesi, Phil Melillo, Joe Bryant, Dan Gay e Rudy Woods. Dopo aver sfiorato la promozione in A1 nel 1986, la Sebastiani, cedendo alla Viola Reggio Calabria (che lo ricorda sul web) sia Tolotti per circa 900 milioni che Joe Bryant per 150 coprì un enorme deficit e poté continuare ancora a militare in A2.

Tolotti militò 6 anni nella Viola, poi nel 1992-93 nella Virtus Roma, per tornare a Reggio fino al 1999 e quindi chiudere la carriera a Roseo e Imola nel 2000. Vantava anche 22 presenze in nazionale. Molto conosciuto a Soverato,  nella stagione 2010-2011 ha fatto parte dello staff tecnico del Nuovo Basket Soverato (responsabile del settore giovanile e della scuola basket).

“Proviamo un grande dolore, un dolore che ci scuote. Sei stato il nostro recordman, il cestista che più di ogni altro e per più volte ha indossato la canotta neroarancio. Per ben dodici stagioni ci hai resi orgogliosi non solo del tuo grande talento ma anche del tuo attaccamento alla Viola e alla città di Reggio che ti hanno ricambiato negli anni con lo stesso grande affetto”. 

“Sei stato il nostro Gus, eroe di anni straordinari che porteremo sempre negli occhi e nel cuore insieme al tuo prezioso ricordo. Addio Gustavo, addio campione. La terra ti sia lieve. In questo momento di grande sconforto ci stringiamo in un forte abbraccio alla tua famiglia, ai tuoi compagni e a tutte le persone che ti hanno amato e voluto bene fuori e dentro il parquet”. Il messaggio di cordoglio della Pallacanestro Viola sui social.