Nascondeva un milione e mezzo in caveau, denunciato imprenditore calabrese

soldi-caveau-2Ad un imprenditore 45enne di origine calabrese che operava da anni con società intestate alla madre e immobili alla moglie, durante una perquisizione, i militari della Guardia di Finanza di Monza hanno trovato un caveau in cui l’uomo nascondeva 54mila banconote di piccolo e medio taglio per un milione e 500mila euro. L’uomo é stato denunciato per aver evaso le tasse per oltre un milione di euro e i suoi beni sono stati sottoposti a sequestro preventivo come richiesto dalla Procura della città lombarda.

La guardia di finanza di Monza, vista l’ingente somma sequestrata e considerata l’illecita condotta tenuta negli anni dall’imprenditore che non ha versato alcuna imposta e contributi per i dipendenti, ha richiesto l’adozione di una misura di prevenzione patrimoniale nei confronti del soggetto, in quanto recidivo e “fiscalmente pericoloso”. Lo speciale procedimento è stato avviato dalla direzione distrettuale antimafia della procura della Repubblica di Milano, competente in materia. Il procuratore aggiunto ha delegato ai finanzieri una serie di accertamenti patrimoniali e verifiche sui flussi finanziari rinvenuti sui conti correnti. All’esito degli accertamenti il tribunale di Milano ha disposto il sequestro di tutta la cifra rinvenuta in contanti e degli immobili di fatto nella disponibilità dell’imprenditore. In questo modo è stato possibile recuperare non solo l’evasione fiscale accertata ma anche tutti i beni ed il denaro che negli anni sono stati illecitamente accumulati dall’imprenditore che adesso si trova indagato in due procedimenti dinnanzi al tribunale di Monza e di Milano. Si tratta di un’operazione di servizio che ha consentito di far rientrare nelle casse dell’erario un’ingente somma sottratta a tassazione, non solo a tutela delle finanze statali, ma anche a sostegno dell’economia legale e degli imprenditori onesti, penalizzati dall’azione scorretta di concorrenti sleali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.