‘Ndrangheta, scarcerato dopo 28 anni il boss Antonino Imerti detto “nano feroce”

È stato scarcerato la scorsa settimana, dopo circa 28 anni di reclusione, il boss della ndrangheta Antonino Imerti, 72 anni. Imerti, cognato del boss Domenico Condello detto “u pacciu”, è stato il capo scissionista nella ndrangheta reggina che diede l’ avvio allo scontro armato contro gli ex alleati De Stefano-Tegano-Libri.

La “ribellione” di Antonino Imerti, detto “nano feroce”, fu causata da un fallito attentato contro di lui attuato con un’ autobomba a Villa San Giovanni (RC), che il boss rampante attribuì come mandante a Paolo De Stefano.

La reazione di Imerti contro l’ ex alleato, all’ epoca – il 10 ottobre 1985 – fu violentissima. Paolo De Stefano, latitante, fu assassinato insieme ad un guardaspalle, mentre transitava a bordo di una moto in via Mercatello, nel cuore del quartiere reggino di Archi.

Da lì, si scatenò la violentissima “guerra di ndrangheta”, a Reggio Calabria e in provincia, che in cinque anni provocò quasi mille omicidi. Antonino Imerti è stato sottoposto alla libertà vigilata.