‘Ndrangheta – Vacche “intoccabili” del boss vagano indisturbate

Succede a Zungri. Era il 19 dicembre quando nell’operazione Rinascita Scott viene sequestrata anche l’azienda agricola di Peppone Accorinti, il temuto boss del Poro. Purtroppo durante il sequestro le sue vacche non erano nelle stalle e quindi molte di loro, ancora oggi, vagano indisturbate allo stato brado in tutto il paese con tutti i disagi che ne conseguono.

Le vacche sacre del Boss escono dal tramonto all’alba, e mangiano tutto quello che trovano nei terreni in cui si addentrano, distruggendo i raccolti dei poveri agricoltori, in un paese fortemente agricolo. Molti sono esasperati ed hanno perso tutto e chiedono almeno un risarcimento economico, ma soprattutto interventi per allontanare le bestie dai loro campi.

Rivolgendosi al Sindaco quest’ultimo ha dichiarato: “impossibile catturare gli animali con soli due vigili a disposizione” e che ha informato le forze dell’ordine e la Prefettura. “Serve un intervento congiunto tra noi, le forze dell’ordine e l’Asp al fine di catturare gli animali”.