Neonato abbandonato in una scatola di cartone con una straziante lettera: «Prendimi e trovami una famiglia»

Roxy Lane ha trovato il neonato la vigilia di Capodanno vicino a una fila di cassette postali non lontano da casa sua a Fairbanks, la seconda città più grande dell’Alaska. Ha pubblicato un video del bambino e la lettera sulla sua pagina Facebook.

“Per favore, prendimi e trovami una famiglia amorevole. I miei genitori ti stanno implorando. Mi chiamo Teshawn ”, si può leggere nel pezzo di carta lasciato da sua madre. Il bambino è stato portato direttamente in ospedale. Secondo la polizia locale, sarebbe in buona salute. Le autorità stanno ora cercando di identificare sua madre. Roxy Lane ha trovato Teshawn in una scatola, avvolto in coperte. Il bambino è nato prima quel giorno, verso le sei del mattino, ha scritto sua madre nel suo biglietto,

“Sono nato con 12 settimane di anticipo. Mia madre aveva 28 settimane quando mi ha preso. È così triste per aver dovuto fare questo ”, possiamo leggere nella lettera. Rifiutati alla nascita e consegnati al loro destino, nel bagno di un aereo, nel cassonetto dell’immondizia o in una scatola di cartone come è accaduto per la storia di oggi.

Dietro i casi “da nera” tante storie simili, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” segnate da disagio, disperazione, solitudine, con conseguenze a volte irreparabili.

Perché dall’angoscia di non poter accudire ed amare il figlio indesiderato all’infanticidio: il passo è terribilmente breve. I recenti casi di abbandoni ci spingono però a riflettere quanto la crisi economica e dei valori abbia preso il sopravvento tanto da minacciare e spaventare uno degli eventi più belli e significativi di una donna: dare al mondo un figlio.