Nessun addetto della Protezione Civile effettua tamponi a domicilio

La precisazione del Dipartimento Regionale dopo gli episodi segnalati nel reggino

Nelle scorse ore sono giunte una serie di segnalazioni di una presunta infermiera che dichiara di lavorare per la Protezione Civile e di effettuare tamponi a domicilio a pagamento. 

L’accaduto è stato sollevato dall’assessore alle Politiche Sociali del comune di Locri e pare che episodi del genere si siano verificati anche nel territorio di Ardore e Bovalino.

Il direttore generale del Dipartimento di Protezione Civile regionale, Fortunato Varone, tiene a precisare che “tutto l’operato delle associazioni di Protezione Civile viene svolto a titolo gratuito e, in ogni caso, sono in corso gli accertamenti dei fatti denunciati che ledono l’immagine della Protezione Civile impegnata con passione e spirito di abnegazione sul territorio.