Offerta di lavoro indecente a Catanzaro scatena i social: «3,50 euro all’ora in un negozio»

“Ci troviamo di fronte all’ennesimo annuncio via social che di lavoro non si può proprio chiamare ma che è rivolto ad “una ragazza” che per occuparsi di cassa e scaffali in un negozio di detersivi al centro del capoluogo di regione avrebbe guadagnato addirittura 3,50 euro all’ora”.

Lo scrive, in una nota, Giuseppe Valentino, segretario generale Filcams Cgil Calabria, che interviene così nel dibattito scaturito da un annuncio di lavoro pubblicato sui social. “30 euro al giorno per 8 ore e mezza di fatica, nel posto più cool della Regione Calabria, visto che stiamo parlando del centro città di Catanzaro; immaginiamo che in periferia o nei piccoli paesi ci siano prezzi molti più concorrenziali e prossimi allo schiavismo” – prosegue Valentino.

E ancora: “Grazie al ‘Signor distruggere’ che ha rilanciato con ironia l’annuncio, si è scatenata l’indignazione del popolo del web – rileva il segretario generale della Filcams – e questo è già di per se’ un fatto positivo, ma conoscendo il livello al quale è arrivato il mondo del lavoro, scommettiamo che passata l’ondata e calato il sipario sulla vicenda qualcuna, per necessità e per costrizione, si presenterà al negozio chiedendo il piacere di essere sfruttata. Questo il quadro purtroppo – aggiunge – diventato ordinario ed aggravato ancora di più da decenni di crisi e dalla Pandemia, nel quale siamo costretti a vivere e con il quale facciamo i conti in continuazione senza tanti strumenti di contrasto e senza alleanze sociali di sostegno”.

Per Valentino “mancano i controlli dell’ispettorato del lavoro, degli istituti di previdenza, delle forze dell’ordine tutti depotenziati e ridotti al lumicino dalla politica liberista che ha governato questo Paese ed ha raccontato che le imprese non crescevano per via dei troppi controlli, che vivevano con ansie da prestazione e attacchi di panico dovuti allo Stato che anziché fidarsi di loro era diffidente. I danni prodotti in termini di sfruttamento sono sotto gli occhi di tutti. Queste le politiche che hanno determinato un nuovo esodo dei giovani dal Sud, dove di lavoro non si vive più o almeno non dignitosamente”.

“Inoltre, la politica italiana non parla più di lavoro – rileva amaramente Valentino – , della condizione di chi fatica onestamente, piuttosto alimenta il racconto di imprese e commercianti sempre più disperati ed in crisi e che non riescono a trovare lavoratori e lavoratrici perché nessuno è più disponibile a fare sacrifici”. Ma Valentino non ci sta. “La nostra esperienza – afferma – dice altro, ci troviamo di fronte ad imprenditori e commercianti che hanno notevolmente aumentato i propri profitto e che non hanno nessuna intenzione di redistribuirli a chi lavora, nonostante la crisi dei salari e la fame crescente. È evidente che occorre ritrovare un cambio di paradigma che sposti l’attenzione della politica e delle Istruzioni partendo dal punto di vista di chi lavora ed ha bisogno di farlo per portare avanti la propria vita con dignità. È chiaro che tocca anche al sindacato attrezzarsi in maniera più adeguata nel contrastare tali fenomeni che per il livello di diffusione raggiunto rendono, specie in Calabria, quasi inefficaci i Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro che in passato rappresentavano un elemento certo e di garanzia dell’unità nazionale e di equità di trattamento al Nord come al Sud”.

Un’attenzione ed un rilancio dell’attività di rivendicazione e di denuncia secondo Valentino “va estesa anche alla rete internet ed ai social, bisognerà sempre di più porre il tema di come le piattaforme digitali possano influenzare e favorire la violazione di leggi e contratti”.

“Occorre che chi gestisce tali piattaforme, così come avviene per i casi di abuso e di violenza sulle persone, – conclude il segretario generale della FilCams – applichi regole certe per evitare che annunci che non rispettano i contratti nazionali e che inducono allo sfruttamento delle persone vengano diffusi e pubblicati”.