Online, accessibili e amati da tutti: i videogiochi ormai hanno in mano le chiavi del futuro

Il mondo del gioco, in particolare del gioco online, sta spopolando. Non si può più parlare di caso, come invece fu ai tempi delle prime restrizioni legate alla pandemia. Due anni dopo la realtà parla chiaro, i dati altrettanto: l’aumento di giocatori è stato impressionante, il numero di fan altrettanto grande, il rientro in termini economici tra raccolta e spesa ancor di più. Significa che il ramo online del mondo videoludico ha preso il sopravvento, vuoi per le restrizioni, vuoi per i limiti imposti dai vari governi nazionali. Vuoi, semplicemente, per un approdo naturale dei giocatori, anche i più irriducibili, verso l’orizzonte online. Che ha, dalla sua, innumerevoli vantaggi e tante altre motivazioni a favore. Non piace difatti solo ai giovanissimi ma anche ai frequentatori di altre tipologie di giochi e a gente nata in tempi totalmente distanti da quelli di internet. Nativi e non nativi digitali sono oggi accomunati da una sola passione, che spopola soprattutto online per varie motivazioni. A certificare un successo, quello della grande sfera del mondo videoludico, destinato forse a non tramontare mai e con le nuove tecnologie pronto a prendersi nuove porzioni di pubblico e futuro da qui ai prossimi decenni. Internet, innovazioni, implementazioni sono alla base di questo successo senza tempo. Ma perché il gioco online piace a tutti, e sempre di più? 

Perché il gioco online spopola a tutti i livelli

Una domanda che sarebbe stata impensabile solo due decenni fa, quando le sale erano piene e Playstation monopolizzava il mercato dell’intrattenimento coi suoi titoli e le sue pubblicazioni. Proprio questo è cambiato. Internet esisteva, nel 1994. Ma non come esiste oggi, nel 2021. Così incisivo, così invasivo, così presente e così impattante nella quotidianità di miliardi di persone. Quando il mondo del web si è unito a quello videoludico, il risultato è stato clamoroso. E si è arrivati così, in scioltezza, ai giorni nostri. Dove l’intrattenimento è solo online e titoli disponibili nei vari store, perlopiù gratuiti, sono alla mercé di tutti. Ma perché piacciono tanto, si diceva. 

La gratuità è un incentivo, ma non è l’unica motivazione. I giochi online piacciono tanto perché non richiedono alcun patto tra il produttore e il consumatore, anzi tutt’altro sono sempre fruibili, in più salse e su diversi dispositivi, sono intrattenenti nella misura in cui divertono e servono anche per creare esperienza. Inoltre hanno il non piccolo vantaggio di contribuire alla creazione di community, ovverosia comunità virtuali di amici, conoscenti, parenti e non parenti. Il che ha trasformato il gioco da alienante a punto di forza della socializzazione del nuovo millennio. 

I titoli più amati

Tra i titoli più amati oggi vanno per la maggiore Call of Duty e Fortnite, quest’ultima progenitrice della modalità “Battle Royale”. Ma ce ne sono tantissimi e si fanno fatica a contare. Popolarissimi, e sempre meno di nicchia, anche tutte le slot Novomatic online. Senza tenere conto delle centinaia di app disponibili per dispositivi mobile. Una rivoluzione che ha coinvolto tutti. I membri della generazione Z, certamente, ma non solo. Il futuro è pieno di sorprese e seppur i pronostici a volte è meglio non farli, c’è la ragionevole certezza che questo trend è destinato a confermarsi da qui ai prossimi vent’anni.