Operazione “Brooklyn”, sette persone rinviate a giudizio

Sono stati rinviati a giudizio e per loro l’1 giugno inizierà il processo le persone coinvolte a novembre nell’operazione della procura di Catanzaro denominata Brooklyn, che ha ipotizzato una serie di reati relativi all’esecuzione di lavori di manutenzione sul ponte Morandi di Catanzaro e lungo la Strada statale 280.

In particolare, il gup di Catanzaro Chiara Esposito ha stabilito l’apertura del processo per i due imprenditori di Curinga, Eugenio Sgromo, difeso dagli avvocati Massimiliano Carnovale e Francesco Gambardella, e Sebastiano Sgromo, difeso dagli avvocati Massimiliano Carnovale e Giuseppe Fonte. Rinvio a giudizio anche per Michele Marinaro, difeso dall’avvocato Aldo Ferraro, per la collaboratrice degli imprenditori Rosa Cavaliere, difesa dagli avvocati Antonella Canino e Alessio Sculco, l’ingegnere dell’Anas, Silvio Baudi, difeso dall’avvocato Carlo Petitto, il geometra, Gaetano Curcio, e l’ingegnere dell’Anas Franco Pantusa.

È stata disposta l’apertura del processo anche per la società edile Tank srl con sede a Maida.