Operazione della Finanza in Abruzzo, confiscati beni per un milione di euro ad un 39enne calabrese

 I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Chieti hanno proceduto a notificare un decreto di confisca disposto dal Tribunale di L’Aquila in applicazione della misura di prevenzione patrimoniale ai sensi del Decreto legislativo n.159/2011, cosiddetto Codice antimafia, ad un pregiudicato calabrese di 39 anni.

Il provvedimento è stato emesso su proposta della Procura Distrettuale Antimafia che aveva condiviso le ipotesi investigative condotte dalla Finanza Corpo con la fattiva collaborazione anche della Questura di Chieti. Immobili, società commerciali e una ditta individuale per un valore complessivo di circa un milione di euro, che erano nella disponibilità del pregiudicato, già arrestato e condannato a 28 anni di reclusione, e che fino ad un mese fa circa era anche sottoposto all’obbligo di dimora in provincia di Chieti, con la confisca ritornano nella disponibilità dello Stato.

Redditi familiari esigui, ma con un patrimonio vastissimo
Fondamentale, si legge in una nota della Guardia di Finanza di Chieti, è stata l’analisi da parte degli investigatori dei redditi dichiarati dal 2000 al 2020 dal preposto e dai suoi familiari, che si sono rivelati esigui e incongrui rispetto al valore dei beni acquistati e al tenore di vita mantenuto.

L’aggressione dei patrimoni illeciti consente di colpire le organizzazioni criminali e chi è abitualmente dedito a vivere nell’illegalità nel cuore dei propri interessi, le indebolisce nelle loro finalità riducendone anche la forza di intimidazione sui cittadini e, non meno importante, crea i presupposti per poter restituire alla collettività i beni così acquisiti. Va anche sottolineata – conclude la nota – l’azione distorsiva che le società illecitamente acquisite operano sul mercato inquinando l’economia legale a discapito degli operatori onesti.