Operazione “Petrolmafie”, indagini concluse per 213 indagati

La Dda di Reggio Calabria ha notificato l’avviso di conclusione indagini per i 213 indagati dell’inchiesta “Petrolmafie Spa” coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri e dagli aggiunti Giuseppe Lombardo e Gaetano Paci.

Originariamente chiamata “Andrea Doria”, l’indagine è collegata ai filoni delle Procure di Catanzaro, Napoli e Roma ed è nata dagli accertamenti della guardia di finanza che ha fatto luce sugli interessi della ‘ndrangheta sul business della commercializzazione illecita di carburanti e del riciclaggio di centinaia di milioni di euro in società petrolifere intestate a prestanome.

Oltre alle misure cautelari, nei mesi scorsi la Procura di Reggio Calabria aveva emesso un decreto di sequestro d’urgenza di beni per oltre 600milioni di euro.

Tra i destinatari della chiusura indagini ci sono Vincenzo e Gianfranco Ruggiero, ritenuti espressione della cosca Piromalli di Gioia Tauro. Ma anche i fratelli Domenico e Giovanni Camastra, due imprenditori considerati vicini alla cosca Cataldo di Locri. Sono loro, secondo i pm Giovanni Calamita e Paola D’Ambrosio, ad aver messo in piedi una gigantesca frode fiscale.

Sarebbe contiguo alla cosca Labate, invece, il broker Giuseppe De Lorenzo a casa del quale, il giorno dell’arresto, la Guardia di finanza ha trovato due valige con dentro oltre due milioni di euro in contanti. Pure a lui è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari.