Paura per una malattia mortale simile al Covid

Equipe sanitarie dello stato di Victoria in Australia stanno cercando di individuare la fonte di un focolaio, ma questa volta è diverso dal Covid-19. Funzionari sanitari lanciano l’allarme a causa di sintomi simili a quelli del Covid, ma si tratta di legionella a seguito di due casi rilevati a Cranbourne East. 

Equipe sanitarie dello stato di Victoria in Australia stanno “entrando in azione” per individuare la fonte di due casi di legionella dopo che le infezioni sono state rilevate a sud-est di Melbourne e che presentavano gli stessi sintomi del Covid19. Il vicedirettore sanitario dello stato, il professor Ben Cowie, ha avvertito che i sintomi della condizione pericolosa per la vita erano simili a quelli del Covid-19 e che i medici dovrebbero “allargare la rete” durante i test sulle persone per il coronavirus.

“I sintomi possono essere simili nelle prime fasi della malattia, come affanno, mal di testa, febbre, affaticamento, tutti abbastanza comuni a entrambi (legionella e Covid-19)”, ha detto ai giornalisti giovedì scorso.

“In un messaggio inviato ai medici è stato segnalato che se qualcuno presenta sintomi che potrebbero essere coerenti con il Covid, deve assolutamente essere testato e trattato sulla base del fatto che potrebbe avere il Covid, ma dobbiamo ovviamente allargare la rete e pensare ad altre patologie”.

Il dipartimento sanitario dello stato di Victoria ha diramato un’allerta dopo che mercoledì sono stati segnalati alle autorità due casi di legionella tra pazienti che vivevano nell’area di Cranbourne East – che hanno richiesto entrambi cure ospedaliere. Condizionatori, piscine e spa sono in fase di test per trovare la fonte dell’epidemia.

“La legionella può essere una condizione pericolosa per la vita”, ha avvertito Cowie. Ha anche affermato che i casi di “malattia del legionario” non erano stati significativi nella comunità fino a quando i due pazienti non sono stati individuati mercoledì. “Questo è in parte per lo stesso motivo per cui l’influenza e molte altre malattie respiratorie sono meno frequenti perché le persone non si muovono allo stesso modo”, ha detto Cowie. “Ovviamente, le persone non frequentano i luoghi di lavoro nella stessa misura, ma è certamente qualcosa che dobbiamo tenere d’occhio”.

La malattia del legionario è causata dal batterio della legionella, diffuso nell’ambiente, in corpi idrici naturali come fiumi, laghi, torrenti e sorgenti termali. I batteri si trovano anche nelle terme, nelle miscele di terriccio, nei sistemi di acqua calda e nei sistemi artificiali che utilizzano l’acqua per il raffreddamento, il riscaldamento o i processi industriali, come le torri di raffreddamento.

Le persone possono prenderlo respirando sottili goccioline d’acqua che contengono i batteri. Non può essere trasmesso da un’altra persona o bevendo acqua contaminata. I soggetti a maggior rischio includono persone di età superiore ai 65 anni, fumatori, forti bevitori, persone con malattie polmonari croniche e condizioni sottostanti come diabete, cancro o insufficienza renale.

Non esiste un vaccino per prevenire la malattia, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ma la diagnosi precoce e il trattamento con antibiotici appropriati possono ridurre la gravità della malattia e le complicanze.